Blog sulla ceramica perfetta, il mondo del Laboratorio Ceramiche Liberati

Il magico mondo della ceramica Liberati raccontato in Blog, scritto dal blogger “Mani” e dedicato alle storie, curiosità e novità della ceramica. Eventi artistici dedicati alla ceramica, ceramica Abruzzo raccontata da esperti, opere d’arte in ceramica, ceramica tradizionale italiana, paesaggi dipinti a mano su ceramica, decori classici e moderni su ceramica maiolica, ceramica grès, e molto molto altro raccontato in un blog dedicato. La ceramica abruzzese di qualità viene realizzata da Ceramiche Liberati che con la pluriennale esperienza nel campo della ceramica tradizionale e artistica è in grado di realizzare oggetti in ceramica di designa, opere d’arte in ceramica di alto valore artistico, linee di arredamento in ceramica tutto abbinato, piatti in ceramica raku, piatti in maiolica, piatti in ceramica grès, pannelli in ceramica refrattaria, pannelli in ceramica moderna. Blog di ceramica, storia della ceramica Abruzzo.

Nel Laboratorio Ceramiche Liberati, oltre alle lavorazioni tradizionali e moderne, si realizzano sculture in ceramica modellate a mano, curate nei minimi dettagli. Numerosi sono i monumenti e le opere scultoree compiute negli anni, alcune delle quali esposte in diverse città italiane.

Il Laboratorio artigianale Ceramiche Liberati realizza oggetti in ceramica maiolica italiana a mano con le migliori tecniche di lavorazione della ceramica. La categoria Oggettistica racchiude tutti quelli prodotti in ceramica utili per la vostra casa e che hanno una funzionalità ben precisa all’interno dell’ambiente al quale sono destinati. Alcuni esempi dell’oggettistica sono contenitori in ceramica, bottiglie in ceramica, barattoli in ceramica, vasi in ceramica, piatti in ceramica, servizio tazzine in ceramica, servizio di piatti in ceramica, servizio piatti da frutta per ceramica, servizio piatti per la macedonia in ceramica, piatto da torta in ceramica, rialzino in ceramica, orologio da muro in ceramica, appendino per le chiavi a casetta in ceramica, umidificatore per sifoni in ceramica, oliera in ceramica, servizio sale e pepe in ceramica, centrotavola in ceramica, svuotatasche in ceramica, fruttiera in ceramica, poggiamestolo in ceramica, portaombrelli in ceramica, portadocumenti in ceramica, ciotola in ceramica, portagioie in ceramica, portacandele in ceramica, candelabro in ceramica, portasapone in ceramica, accessori per il bagno in ceramica, specchio con cornice in ceramica, portafoto in ceramica, brocca in ceramica, conca in ceramica, lampadario in ceramica, applique in ceramica, piatti da portata in ceramica, pomelli in ceramica, maniglie in ceramica, ecc… Diversi prodotti realizzati a mano in ceramica per arredamento e completamento casa, personalizzabili per decoro. Difficile se non impossibile descrivere tutte le possibili varianti di decoro che vengono e possono essere realizzate, poiché in diverse occasioni i clienti stessi richiedono decori  personalizzati e in alcuni casi esclusivi. Uno dei decori rappresentativi della regione Abruzzo realizzato dai nostri ceramisti è il Fioraccio abruzzese che raffigura dei fiori selvatici tipici della nostra regione. Tutti i manufatti in ceramica vengono realizzati a mano all’interno del laboratorio Ceramiche Liberati, con metodi artigianali e materiali di elevata qualità adatti ad uso alimentare. Blog che parla di ceramica italiana. 

Pannello in ceramica moderna e contemporanea raku su supporto di legno, Ceramiche Liberati

Ceramica moderna e contemporanea: i nuovi oggetti di design

La ceramica è da sempre uno degli elementi più utilizzati per creare oggetti creativi e che possano decorare la casa o commemorare degli eventi. La lavorazione della ceramica nel tempo ha subito una vera e propria trasformazione, anche se in alcuni casi questa forma d’arte non è semplice da comprendere o da portare nel futuro con idee nuove e moderne. 

Scegliere di creare oggetti d’arte in ceramica moderna e contemporanea è un modo però, per avvicinare tutti coloro che amano i design unici e particolari di questo stile artistico. Per questo motivo il maestro Giuseppe Liberati ha scelto di seguire, dopo anni di studi delle varie tecniche, una linea più contemporanea che ha portato alla creazione di diversi complementi di arredo.

Quali sono i dettagli che rendono la ceramica moderna e contemporanea

Può sembrare semplice pensare a oggetti dallo stile e dal design ideali per case e arredamenti moderni. In realtà dietro la realizzazione di questi, c’è uno studio approfondito dei materiali che potessero adattarsi alla lavorazione della ceramica dandogli un aspetto più attuale, ma sopratutto diverso da ogni altro complemento di arredo si possa trovare nei negozi della grande distribuzione. 

Tra le varie tecniche utilizzate ed elaborate troviamo ad esempio l’uso di smalti speciali dai colori brillanti, argille differenti, cristalli di medio e grosso spessore e ossidi metallici. Ci sono comunque tanti altri elementi che impreziosiscono la ceramica come ad esempio le finiture in oro, le tecniche dei riflessi ecc…

Altre tecniche e lavorazioni che vengono utilizzate per la creazione di ceramica moderna e contemporanea sono: il grès, l’argilla nera, il platino, i lustri ceramici, e l’impiego di altri materiali abbinati come il ferro, il legno, la pietra l’acciaio ecc…

Gli oggetti realizzati in ceramica moderna e contemporanea ideali per arredare casa

ceramica moderna e contemporaneaSul sito di Liberati.net troverai diversi oggetti ideali per l’arredamento di una casa dal design moderno e che si vuole distinguere con i suoi complementi unici. Tra i modelli proposti dal sito, troviamo ad esempio delle bottiglie decorative realizzate con diverse tecniche moderne. 

La bottiglia cilindro in argilla nera e smalto color fuoco è ideale ad esempio per le case che hanno un arredamento caldo, anche per chi possiede dei mobili di antiquariato oppure degli arredi in legno. I colori di questa si abbinano bene persino con arredi classici, anzi aiuta a svecchiarli, e a ottenere un piccolo cenno di modernità. 

Il centrotavola in ceramica gres di colore blu con incisioni rupestri è un altro complemento d’arredo ideale per adornare tavoli da pranzo o il tavolino del salotto. Questo si presta ad essere abbinato con case dallo stile moderno, con mobili dai colori chiari con inserti in vetro o cristallo. Infatti, il blu dona agli ambienti moderni un tocco di eleganza ma anche di stile e serenità.

Questi sono solo alcune delle opere d’arte in ceramica moderne e contemporanee che si possono trovare sul sito e nel negozio di Ceramiche liberati. Inoltre, ciò che rende speciale queste opere è proprio la loro unicità, ogni oggetto viene autentificato e autografato dal Maestro Liberati, proprio per garantire l’esclusività del prodotto. Inoltre, ogni opera è corredata da un Certificato di autenticità. 

Il Maestro Giuseppe Liberati è uno dei ceramisti più premiati con svariati riconoscimenti legati alla sua arte. Uno degli ultimi premi ricevuti dal Maestro è Premio alla Carriera conferito sabato 30 ottobre 2017 in occasione dell’inaugurazione della Mostra d’Arte Contemporanea “Arte in Prospettiva”, c/o il MediaMuseum di Pescara. Giuseppe Liberati ringrazia di cuore l’Associazione Lejo Art nella figura del suo Presidente Roberto Di Giampaolo e di tutto il suo Cda ed esprime altrettanta gratitudine per le note critiche espresse dal Prof. Bruno Paglialonga in occasione della manifestazione.Ceramica moderna e contemporanea - Premio alla Carriera di Giuseppe Liberati

Papillon ceramica online firmati ArtWear Liberati

Papillon ceramica online su ArtWear Liberati – accessori moda

Papillon ceramica online su ArtWear Liberati – accessori moda in ceramica artigianale

Ciao amici della Ceramica e Fashion Lovers!

Questa settimana voglio stupirvi! Abbiamo imparato a conoscere gli artigiani del Laboratorio Liberati e avrete capito ormai che non si fermano proprio mai, sono dei veri e propri vulcani creativi in continua “eruzione” ed “evoluzione”! 😉

Oggi voglio parlarvi di una delle ultime novità realizzate nei mesi scorsi… rullo di tamburi…: Papillon in ceramica, artigianali e personalizzabili. “WoW!”… questa è l’espressione che mi è uscita spontanea quando li ho visti per la prima volta. Ceramiche Liberati ha dedicato una linea esclusiva a queste creazioni e ha deciso di chiamarla “ArtWear Liberati” – accessori moda in ceramica artigianale.

Quando nasce il Papillon?

La nascita del papillon è tutt’altro che legata al mondo della moda. Le prime “cravatte a farfalla” (altro nome per indicare il noto accessorio) furono indossate dai soldati croati durante la guerra di prussia per chiudere il colletto delle camicie in assenza dei bottoni. Solo in seguito divenne un accessorio elegante e raffinato, che ha saputo nel tempo resistere e reinventarsi, arrivando ai giorni nostri dove è possibile trovarne di varie forme e materiali utilizzati. Da qui nasce l’idea della linea ArtWear, ovvero papillon in ceramica dalle caratteristiche uniche e originali per “un’arte pronta da indossare”!

Cosa ha di originale e innovativo il Papillon in ceramica della linea ArtWear Liberati?

Scatola papillon ceramica online per papillon in ceramica di Ceramiche Liberati

Scatola Papillon di ceramica, realizzata e decorata con la stampa digitale su ceramica da Ceramiche Liberati.

Il Papillon in ceramica di ArtWear Liberati di originale e innovativo ha:

  • la scelta del materiale, ovvero la porcellana che permette di ottenere papillon artigianali sottili e leggeri;
  • la possibilità di personalizzare la fantasia decorativa che viene sviluppata con tecniche tipiche dell’arte digitale;
  • il ricercato packaging: ecofriendly e artigianale. Anche la scatola in ceramica a forma di papillon è realizzata in maiolica e decorata con tecniche digitali.

Il design del Papillon è un chiaro esempio di come le nuove generazioni di artigiani vogliano stare al passo con un mondo creativo in rapida evoluzione. Il nostro “Ceramic BowTie” è un esempio concreto di fusione tra artigianato classico, fatto di creazione manuale nel senso stretto, e artigianato digitale, dove le nuove tecnologie si fondono con il “tacit knowledge” tipico degli artigiani.

Quando indossare il Papillon in ceramica?

Papillon in ceramica artigianale di Ceramiche LiberatiI papillon in ceramica sono facili da indossare ed ideali sia per un outfit casual ed estroso sia per uno più elegante e ricercato, grazie alla varietà di fantasie proposte da ArtWear Liberati, che verranno man mano arricchite. Il papillon per antonomasia è un accessorio iconico della moda uomo, ma sempre più spesso anche le donne sono solite usarlo nel proprio look.

Per il momento si è scelto di realizzare due modelli e varie fantasie, uno dalla linea più tondeggiante che vuole essere un richiamo alle forme più classiche e legate allo spirito “sentimentale” del papillon, l’altro dalla forma più lineare ideato per dare un tocco “evolutivo” e ricercato. Il design dei due papillon ha ispirato i nomi scelti per identificarli: il primo è stato chiamato “Romantico”, l’altro “Evo”, nome che vuole essere un chiaro richiamo al concetto di evoluzione. Con numerose fantasie di decoro, sono disponibili all’acquisto entrambi i modelli di papillon ceramica online nelle rispettive sezioni Papillon modello Evo e Papillon modello Romantico.

I papillon artigianali dall’elegante design sono creati con i migliori materiali e vengono curati nei minimi particolari, a garanzia della qualità che contraddistingue il Made in Italy di prestigio; sono il punto di partenza della linea ArtWear Liberati, che verrà arricchita di volta in volta di nuovi interessanti manufatti in ceramica artigianale, ideali per i fashion addicted, cultori della moda (e non solo). Per tutti quelli che vogliono stare al passo con le nuove tendenze, per una moda che diventa evoluzione, dove l’accessorio è sempre più uno “state of mind”.

Ah, dimenticavo!!!! ArtWear Liberati e i suoi papillon in ceramica sono finiti anche su un’importante rivista nazionale, quale? Millionaire, mese novembre 2017 e questo è motivo di orgoglio e da una carica propositiva ai giovani artigiani  e al Laboratorio Liberati.

“Arte, sartoria o design? Questo poco importa, che si tratti di hipster, rockstar o di semplici impiegati, ciò che conta è che il papillon è davvero sulla bocca di tutti. E anche sul collo.” (T.Liotta)

Vostro, Mani.

P.S.: ArtWear Liberati ha una propria pagina Facebook e profilo Instagram dedicati alla promozione dell’artigianato italiano nell’ambito fashion. Tutto inizia con i papillon ceramica online!

Pallina di Natale personalizzata in ceramica artigianale italiana

Pallina di Natale personalizzata: la ceramica creativa per un Natale speciale

Pallina di Natale personalizzata: la ceramica creativa per un Natale speciale

Appassionati del magico mondo della ceramica, bentornati!

Ormai l’inverno si sta avvicinando e con esso la voglia di preparare le nostre case per Natale e organizzarci con i regali da donare a parenti e amici. L’atmosfera natalizia porta con se il desiderio di far festa, riunirsi nel salotto circondati dagli addobbi natalizi e un bel albero pieno di colori ed emozioni. Il Laboratorio Ceramiche Liberati, pronto per ogni sfida creativa, ha già iniziato a dedicarsi alla realizzazione di palline di Natale personalizzate, Presepi in ceramica artigianale e tanti  altri manufatti che serviranno ad addobbare la casa per il Natale.

Come ben sapete, tutti i prodotti della ceramica artigianale sono originali e molto spesso realizzati in un unico esemplare non riproducibile il che, di fatti, li rende unici. Ogni creazione, per la sua forma e per il suo decoro, nel complesso rappresenta l’esperienza e la bravura dell’artigiano che la realizza. Qualsiasi manufatto artigianale può essere personalizzato in mille modi in base alla richiesta. In quest’ottica per il Natale 2018, mettendo a disposizione le proprie competenze, gli artigiani del Laboratorio si concentrano su proposte di personalizzazione per dare la possibilità a tutti di regalare un oggetto unico ed esclusivo. Partendo dalle palline, cominciate ad immaginare quale ricordo, augurio, frase significativa o immagine fotografica vorreste vedere sulla vostra pallina di Natale personalizzata?

Palline di Natale personalizzate, uniche ed esclusive

Il Laboratorio Liberati da anni realizza vari addobbi natalizi e, grazie alla creatività di propri artigiani, ogni anno riesce a stupire i propri clienti e ammiratori con idee, invenzioni e nuovi decori. Qui vi mostro alcune delle palline uniche ed esclusive: con oro e platino, con lustri metallici, traforate a mano, ecc.

Pallina di Natale personalizzata in ceramica artigianale di Ceramiche Liberati

Di base le forme classiche realizzate sono: a sfera, a goccia, trottola e schiacciate, tutte personalizzabili per colore e decoro. Oltre a queste forme, che oramai sono diventate standard, Ceramiche Liberati realizza palline di Natale dal design unico come Sfere di Natale traforate e a intreccio in ceramica artistica bianca  ed esclusive come Pallina di Natale tricolore, realizzata completamente a mano in omaggio ai colori della bandiera italiana, un vero e proprio simbolo del Made in Italy natalizio. Particolarissime e uniche sono anche le palline decorate con la tecnica della cuerda seca da Marta Liberati, giovane ceramista che, nonostante la forma curva delle palline in ceramica, riesce a decorare perfettamente tutta la superficie della sfera natalizia.

Come personalizzare una pallina di Natale in ceramica?

  • Scegliere la forma

Prima di tutto scegliete la forma della pallina che più preferite. Tutte le palline di Natale sono realizzate in maiolica italiana di altissima qualità, lavorate artigianalmente nel rispetto della migliore tradizione artigianale. Qui sotto vi ho preparato una semplice infografica per facilitarvi nella decisione. Pallina di Natale personalizzata

Cliccate sulla categoria corrispondente per visionare esempi delle palline di Natale in ceramica realizzate da Ceramiche Liberati:

Palline di Natale in ceramica artigianale “a sfera”
Palline di Natale in ceramica artigianale “a trottola”
Palline di Natale in ceramica artigianale “a goccia”
Palline di Natale in ceramica artigianale “schiacciate”

Inoltre, vi specifico che tutte le palline sono dotate del gancio in metallo, di colore oro o argento a seconda della tonalità del decoro,  pronte per essere appese all’albero di Natale.

  • Decidere il decoro

Una volta decisa la forma preferita per la vostra pallina di Natale personalizzata, decidete il decoro. Vi consiglio di dare un’occhiata alle palline presenti sul sito nella sezione Speciale Natale. Le opzioni per il decoro sono infinite e su una pallina si possono combinare diverse soluzioni contemporaneamente.

Di base, una pallina di Natale personalizzata può essere decorata a mano con i colori ceramici con la tecnica “a pennello” oppure con la stampa digitale indelebile, in quest’ultimo caso è possibile riprodurre un’ immagine o un logo aziendale, una fotografia sulla pallina. I decori “a pennello“ possono essere floreali a fascia con paesaggi invernali natalizi o, ancora,  con la raffigurazione della sacra famiglia. Sempre a mano, o con la tecnica delle stampa digitale a fuoco, possono essere realizzate delle scritte come nomi di figli o nipotini, anno dei festeggiamenti, messaggi di auguri, dediche e altro. Tutti questi dettagli del decoro possono essere realizzati in combinazione, ad esempio, decoro a paesaggio su un lato e una scritta sull’altro oppure immagine iconografica della Sacra Famiglia e l’anno dei festeggiamenti.

La stampa digitale, invece, permette di riprodurre qualsiasi immagine fotografica o logo aziendale, adattando le dimensioni alla superficie della pallina. In pratica, sulla vostra pallina di Natale personalizzata si può riprodurre una foto di famiglia, un’immagine per voi significativa, un disegno da voi scelto, oltre a frasi, immagini..ecc. in pratica qualsiasi file digitale ;-).

  • Contattare il Laboratorio Ceramiche Liberati

Beh, una volta che avete deciso la forma e il tipo del decoro contattate Ceramiche Liberati all’indirizzo mail info@liberati.net per ricevere un preventivo veloce e gratuito. Invece, se non avete ancora le idee ben chiare e volete consultarvi con un artigiano esperto visitate il Laboratorio Liberati in via Val di Foro 101, Villamagna (Ch) – Abruzzo – Italia.

Contenuti non disponibili.
Acconsenti all'utilizzo dei cookies cliccando ACCETTO sul banner [cookie-control]

Scrivetemi nei commenti se avete dubbi o domande, vi risponderò ben volentieri! E in attesa del Natale 2017, concludo con una frase sentimentale, ma tanto vera di Burton Hillis:

“Il migliore di tutti i regali attorno a qualsiasi albero di Natale: la presenza di una famiglia felice tutta avvolta in se stessa.”

Vostro, Mani.

Bomboniera etichetta ceramica cuore_Ceramiche Liberati

Etichette in ceramica: come rendere unica una bottiglia di vino

Le etichette in ceramica sono una delle ultime novità in termini di stile e adorno delle bottiglie di vino e liquore. Scegliere di personalizzare una bottiglia è un modo per fare un regalo originale ad una persona importante o per realizzare una bomboniera unica e speciale. 

Perché scegliere una bottiglia con etichetta in ceramica come bomboniera?

Tutti i novelli sposi desiderano regalare ai propri ospiti una bomboniera che rimanga nel cuore di chi la riceve. In alcuni casi è così difficile distinguersi dagli altri che addirittura si rischia di acquistare lo stesso oggetto scelto da altri sposi. Questo succede quando ci si affida alle aziende della grande distribuzione che producono innumerevoli serie di prodotti tutti uguali e che non sorprendono più nessuno. 

L’unico modo per riuscire a distinguersi e ad offrire un prodotto nuovo e accattivante e rivolgersi ad aziende che producono oggetti di prim’ordine e creati con immagini e design unici nel loro genere. Per questo motivo le etichette in ceramica realizzate da Liberati Ceramiche D’arte, sono state molto apprezzate dagli sposi che hanno optato per una bomboniera unica e originale.

Quali sono le bottiglie sulle quali è possibile applicare l’etichetta in ceramica?

Sul sito Liberati Ceramiche d’arte, oltre a trovare diversi stili di etichette realizzate rigorosamente a mano e con pattern creativi e unici, potrete anche scegliere tra alcune bottiglie di vino proposte dall’azienda stessa. Le bottiglie di vino, liquore o birra artigianale che trovate nel catalogo di Liberati, sono tutte di ottima qualità e non deluderanno nemmeno chi decide di consumare il prodotto e poi conservare la bottiglia vuota. 

Per chi invece ha un vino particolare o un liquore che vorrebbe diventasse il simbolo delle sue nozze è possibile anche scegliere di fornire il vino all’azienda che poi applicherà l’etichetta in ceramica. S’è richiesto, oltre all’etichetta è possibile anche avere la confezione bomboniera studiata appositamente per contenere la bottiglia. 

I migliori design di etichette in ceramica per un matrimonio

Etichette ceramica di Ceramiche LiberatiIl Maestro Liberati ha creato diverse etichette ideali per un matrimonio. Queste sono in grado di far sognare chi osserva questa piccola opera d’arte in ceramica. Una delle più belle ad esempio rappresenta l’unione del matrimonio attraverso due individui come stilizzati che si uniscono tra loro e danno origine a un cuore simbolo dell’amore. Un’altra etichetta invece rappresenta il percorso e l’arricchimento che potranno ottenere gli sposi durante il loro matrimonio, una strada comune che sarà la chiave di una vita serena. Oltre a queste rappresentazioni, avrete anche la possibilità di creare etichette personalizzate nella forma e nel colore, o con un disegno appositamente per voi che rappresenti la vostra storia. 

 

 

Etichette in ceramica: i vari utilizzi

Oltre che per i matrimoni si possono scegliere l’etichette in ceramica anche per tantissime altre occasioni come ad esempio:

  • Battesimi
  • Rinnovo delle promesse
  • Comunione
  • Laurea
  • Compleanni
  • Competizioni

Oltre agli innumerevoli eventi dei quali è possibile fissare il ricordo con una bottiglia in ceramica si può anche optare per avere una di queste nella propria casa come un vero e proprio elemento di arredo e design.

Scopri di più sulle nostre etichette in ceramica e guarda i lavori realizzati a mano dal maestro Liberati sul sito www.liberati.net.

×××××

Come richiedere un preventivo per le etichette in ceramica personalizzate?

Per facilitare e velocizzare la risposta da parte del Laboratorio Liberati alle Vs. richieste di preventivo per la realizzazione delle etichette in ceramica è stato creato un elenco di indicazioni utili. Per definire il costo e i tempi di realizzazione delle etichette in ceramica personalizzate occorre inviare una mail a info@liberati.net oppure scrivere nei commenti qui sotto, indicando:

  1. la forma dell’etichetta (es. a forma di cuore, rettangolare, ovale, ecc);
  2. il decoro:
    – dipinto a mano (es. disegno del cuore con iniziali e data, grappolo d’uva e l’anno, ecc.)
    – modellato a rilevo (es. iniziali o nomi a rilievo con la data, cuore e data, ecc.)
    – stampa digitale (logo aziendale o immagine fotografica eventualmente da allegare alla richiesta)
  3. il colore desiderato per lo sfondo (per le etichette smaltate);
  4. la quantità.

 Per dare un occhiata alle etichette in ceramica già realizzate dal Laboratorio Liberati visitate la sezione “Etichette in ceramica” nella pagina Gallery.

Fotoceramica Abruzzo su ceramica artigianale Ceramche Liberati

Fotoceramica Abruzzo: stampa digitale su ceramica artigianale 

Fotoceramica Abruzzo: stampa digitale su ceramica artigianale 

Appassionati della ceramica, buongiorno!

Felice di riavervi con me 😉 Oggi nel mio blog sulla ceramica vi parlerò della fotoceramica Abruzzo, ovvero della stampa digitale su ceramica artigianale. Per molti, probabilmente tutti, una foto rappresenta il legame che abbiamo con i momenti unici della vita. Ricordi, emozioni e stati d’animo vengono catturati in uno scatto che con il tempo assumono un’importanza sempre crescente. Le immagini ci accompagnano in molte occasioni della vita personale e professionale, ci permettono di non dimenticare le sensazioni che abbiamo vissuto e il loro ricordo, che rivive ogni volta che riguardiamo l’immagine scattata.

Fotoceramica digitale per gadget e souvenir

Nel Laboratorio Liberati vengono realizzati tantissimi oggetti in ceramica con immagini e loghi aziendali, decorati con la tecnica della fotoceramica digitale. Tra questi ad esempio posso citarvi, campanelle e magneti con le immagini delle “professioni”, con aforismi o dediche, tazzine da caffè con logo del proprio bar, numeri civici, più in generale souvenir e gadget aziendali ecc… Da come avrete compreso, la tecnica della fotoceramica permette di riprodurre su ceramica qualsiasi file digitale/fotografico, dando spazio anche alla propria creatività! La stampa digitale, detta anche decalcomania, come anticipato, è molto richiesta dalle aziende che vogliono realizzare degli gadget aziendali personalizzati con il proprio logo stampato sulla ceramica.

Fotoceramica funeraria per lapidi cimiteriali

Il discorso diventa importante, ma anche delicato, quando si tratta delle persone care che non sono più tra noi. Molto spesso il Laboratorio Liberati realizza fotoceramiche per lapidi che hanno l’onore e l’onere di raffigurare l’immagine fotografica della persona defunta, mettendone in evidenza le caratteristiche e le qualità migliori in uno scatto. Un compito non facile, ma che viene trattato con molta professionalità e determinazione dagli artigiani del Laboratorio.

Il Laboratorio di ceramiche abruzzesi, Liberati, offre una vasta gamma di fotoceramiche cimiteriale, si parte da piccole formelle di varie forme e dimensioni per arrivare fino a grandi pannelli per adornare e abbellire le cappelle, è possibile realizzare rivestimenti  anche su disegno. Tutte le foto (se di buona qualità) possono essere adattate alle varie forme e misure: quadrata, ovale, tonda, a cuore, a libro, a pergamena, ecc. Le foto possono essere riprodotte sia a colori naturali, riprendendo le tonalità dell’immagine originale, sia in bianco e nero. Inoltre, con l’aiuto dei programmi informatici è possibile effettuare fotoritocchi digitali all’immagine, cambiando lo sfondo o il vestito, eseguire ritocchi su foto rovinate e ricostruire le parti mancanti o unire più soggetti in un’unica immagine. Le riproduzioni delle foto su ceramica per lapidi, loculi e ossari sono manufatti che conciliano le moderne tecnologie con la tradizione dell’artigianato. La lavorazione viene effettuata con tecniche avanzate che permettono di ottenere ottime qualità dell’immagine nell’elaborazione grafica e nella resa cromatica. Il Laboratorio Liberati mette a disposizione tutta la propria competenza ed esperienza per realizzare al meglio un immagine di qualità, stampata su ceramica con una resa indelebile e inalterabile agli agenti atmosferici. Per spiegarvi meglio come una foto viene riportata sulla ceramica vi propongo una brevissima presentazione delle fasi di lavorazione della fotoceramica Abruzzo.

Fasi di realizzazione della fotoceramica in Abruzzo 

La realizzazione degli oggetti in ceramica con la tecnica della stampa digitale ovvero fotoceramica, è una lavorazione complessa che si articola in diverse fasi collegate e complementari. Come per tutto, nel mondo della ceramica, si parte con la scelta di materiali di qualità!

Fase 1 – Acquisizione dell’immagine fotografica

Il richiedente fornirà la foto in formato digitale (di qualità più alta possibile), inviandola tramite email o portandola su una chiavetta USB, oppure immagine cartacea che poi verrà acquisita tramite uno scanner e ne verrà creata una copia in formato digitale. In tal modo il tecnico addetto alla grafica potrà elaborare la foto e prepararla alla stampa.

Fase 2 – Elaborazione grafica, ritocco e adattamento

Al primo incontro con il cliente saranno stabiliti tutti i ritocchi, le modifiche o adattamenti grafici, come cambio dello sfondo, ricostruzione delle parti rovinate o mancanti, cambio del vestito, ecc. In questa fase, utilizzando un software grafico verranno apportate tutte le modifiche per migliorare al massimo la qualità dell’immagine e aggiunti i testi richiesti. Inoltre, sempre a seconda della richiesta del cliente, o in base alla resa,  i colori dell’immagine potrebbero essere cambiati da “a colori” in “bianco e nero”; purtroppo non è possibile farlo al contrario da “bianco e nero” a “a colori”.

Fase 3 – Stampa della fotoceramica 

Una volta conclusa la fase di elaborazione grafica, l’immagine verrà stampata su una speciale carta chiamata decalco. I colori utilizzati per la stampa non sono comuni inchiostri, ma degli speciali colori ceramici per una stampante ceramica professionale, che trasferisce l’immagine su carta adatta alla stampa digitale su ceramica.

Fase 4 – Applicazione dell’immagine alla ceramica 

A questo punto il foglio decalco sarà ritagliato in base alla forma della base ceramica sulla quale verrà applicato. La fase di applicazione è molto delicata e l’artigiano, nell’eseguire il proprio lavoro, dovrà essere molto attento e scrupoloso onde evitare imperfezione dopo la cottura. Come detto in precedenza la stampa digitale è una decorazione che può essere effettuata su quasi tutte le superficie della maiolica e della porcellana. Infatti, le basi proposte dal Laboratorio Liberati, oltre a essere personalizzabili, sono numerose. Tra quelle più richieste e adatte alla riproduzione della foto per la fotoceramica funebre, disponibili in vari formati, sono:

  • placche di forma rettangolare, quadrata, ovale, a forma di cuore, tutti con o senza cornice in ceramica a rilievo;
  • placche da parete pergamena, a libro, a libro con le pagine a onda;
  • libri e pergamene cimiteriali con l’appoggio a terra (pergamena, ovale, libro).

Fase 5 – Cottura della fotoceramica Abruzzo  

La cottura dei manufatti con la stampa digitale è la fase conclusiva. La cottura nel forno ceramico avverrà ad una temperatura che va dai 920°C ai 930°C. La durata della cottura, dal riscaldamento del forno fino al suo completo raffreddamento, è di circa 36 ore. In questa fase, i colori ceramici attraverso le decalcomanie applicate, si fonderanno con la ceramica (maiolica o porcellana), vetrificando l’immagine che diventa indelebile e inalterabile nel tempo.

Per visionare i manufatti decorati con la decalcomania vi rimando alla Categoria manufatti in ceramica con la stampa digitale. Per maggiori informazioni sulla fotoceramica Abruzzo vi prego di contattare il Laboratorio via email a info@liberati.net, potete scrivermi un commento in basso alla pagina oppure passare direttamente al Laboratorio Ceramiche Liberati nel orario di apertura.

Bene, anche se vorrei dire molte altre cose sulla decalcomania, per oggi concludo qui!

“I bei ricordi non scompaiono mai. Nel peggiore dei casi si addormentano nei sotterranei dell’anima…” Cit. Luciano De Crescenzo

Vostro, Mani!

Ceramica moderna e contemporanea di Giuseppe Liberati

Ceramica moderna e contemporanea: l’arte di Giuseppe Liberati

Ceramica moderna e contemporanea: l’arte di Giuseppe Liberati

Cari amici della ceramica,

dopo una breve pausa di meritato riposo torno a parlarvi della spettacolare arte della ceramica! Con l’articolo di oggi vi racconto la straordinaria bellezza dell’arte di Giuseppe Liberati, della sua visione prospettica sulla ceramica moderna e contemporanea di oggi. Chi segue il Laboratorio Liberati sui vari social, dove tra locandine di eventi e mostre, spiccano le creazioni del Maestro, ha già l’idea di cosa andrò a parlare. Proprio cosi, vi parlerò degli apprezzamenti espressi da critici d’arte, dalle istituzioni e dagli appassionati, sulle opere e le idee visionarie del Maestro ceramista Giuseppe Liberati. Intanto, vi elenco brevemente le ultime Mostre dove ha esposto le sue opere:

  • Mostra internazionale “Misericordiae Vultus” – Sesto al Reghena – Italia 2016/2017;
  • Mostra internazionale d’arte contemporanea “Che dici Totò?” – Castel dell’Ovo – Napoli – Italia – 2017;
  • Mostra personale di ceramica contemporanea “L’Essenza Materica – Giuseppe Liberati” – Istituzione Palazzo Farnese – Ortona – Italia 2017;
  • Mostra collettiva d’arte “Quattro Maestri nelle Arti Visive” – Museo Michetti Mu.Mi. – Francavilla al Mare – Italia 2017;
  • Mostra d’arte contemporanea “Nel segno della modernità di Ovidio” – MediaMuseum – Pescara – Italia 2017;
  • Mostra d’arte contemporanea “Armonie” – Emozioni di note a colori” – Aurum – Pescara – Italia 2017;
  • Mostra d’arte contemporanea  “Nel Segno della contemporaneità” – Bottega d’arte – Camera di Commercio di Chieti – Italia 2017;
  • “XLIV Premio Sulmona” dal 16 settembre al 21 ottobre – il Polo Museale Civico Diocesano – Sulmona – Italia 2017.
Maestro ceramista Giuseppe Liberati - Abruzzo Italia

Maestro ceramista Giuseppe Liberati – Presentazione della nuova tecnica di decorazione della ceramica moderna e contemporanea “smalti a strappo” 2017.

Prima di potervi parlare delle creazioni in ceramica moderna e contemporanea del Maestro, vorrei fare un breve  accenno  riguardo alla definizione che ci fornisce la letteratura sull’arte moderna e contemporanea. Nel campo artistico, specialmente per quanto riguarda la ceramica artigianale, è estremamente difficile se non impossibile definire i limiti tra il tradizionale e il classico, tra il moderno e il contemporaneo. Non è facile neanche stabilire dei criteri validi per poter valutare o definire lo stile di un manufatto o un’opera. La forma, la tecnica di modellazione, la rifinitura e il decoro si fondono e si alternano tra di loro nel momento creativo dell’artista. I ceramisti, come Giuseppe Liberati, arrivati ad un certo punto della propria carriera artistica, quando sembra che la ceramica non abbia più segreti, cominciano a sperimentare, a testare e a sovrapporre le tecniche, talvolta fino ad inventare stili mai pensati.

Come definire l’arte moderna e contemporanea 

Per definire il concetto dell’arte moderna e contemporanea vi propongo una breve analisi prodotta in uno studio sull’arte del Centro d’Arte moderna e contemporanea della Spezia (CAMEC).

“Il termine arte contemporanea si riferisce generalmente all‘arte creata nel presente. L’uso dell’aggettivo generico “contemporanea” per definire l’arte dei nostri giorni è dovuto anche in parte alla mancanza di una scuola artistica dominante o distinta riconosciuta da artisti, storici dell’arte e critici. L’espressione tende ad includere tutta l’arte creata dalla fine degli anni sessanta del XX secolo o, in alternativa, dalla presunta fine dell‘arte moderna o periodo modernista fino ai giorni nostri (anche se al giorno d’oggi ci sono artisti che creano arte moderna ed altri che creano in praticamente tutti gli stili o mode del passato).”

Per Giuseppe Liberati l’arte è il riflesso delle emozioni, dell’esigenza della società di scoprire e ammirare creazioni nuove dalla bellezza unica. Il Maestro da anni porta innovazione nel Laboratorio Liberati: è stato tra i primi in Abruzzo a lavorare la ceramica con la tecnica di cottura giapponese “raku”; è uno dei primi ad applicare i cristalli a grosso spessore alla ceramica grès; è uno dei pochi ceramisti che realizzano monumenti e sculture in ceramica di dimensioni importanti; quest’anno ha iniziato a sperimentare la stampa 3D ecc., potrei continuare ad elencare  tecniche di lavorazione e decorazione nelle quali, il Maestro è tra più attivi  ceramisti in Italia.

La nuova tecnica di decorazione della ceramica firmata Giuseppe Liberati 

Una delle ultimissime sperimentazioni del Maestro è la  sovrapposizione di smalti e colori resa particolare dall’effetto dato dagli “smalti a strappo”, il risultato finale apparentemente imprevedibile, è frutto di una  lunga ricerca e sperimentazione nel campo della ceramica. Non posso addentrarmi nei dettagli per raccontarvi tutte le fasi di decorazione della ceramica con questa tecnica. Come per tutti i mestieri, anche gli artisti tengono cari alcuni dei propri segreti ? … e il Maestro per il momento vuole “tenerci sulle spine”. So solo dirvi che si tratta di una tecnica nuovissima e difficilissima da realizzare, ma una volta che l’opera è finita l’effetto è davvero unico con un’esplosione di colori spettacolare. In foto, che vedete qui sotto, vi presento l’ultima delle opere denominata “Frammenti cosmici” che ha realizzato Giuseppe Liberati con la decorazione di “smalti a strappo” e con la quale partecipa alla XLIV Edizione del Premio Sulmona. La manifestazione è aperta al pubblico dal 16 settembre al 21 ottobre 2017 presso il Polo Museale Civico Diocesano – Sulmona, dove sarà possibile verde dal vivo il pannello in ceramica, di dimensioni importanti (cm 120 x 124), realizzato in grès, ricco di applicazioni a rilievo e cristalli a grosso spessore.

Pannello da muro in ceramica moderna e contemporanea di Giuseppe Liberati, Abruzzo

Pannello in ceramica artistica di design “Frammenti cosmici”, realizzato a mano dal Maestro ceramista Giuseppe Liberati.

Concludo l’articolo di oggi con la frase-motto di Giuseppe Liberati, che da anni lo accompagna nel suo successo artistico, e vi consiglio di visionare la categoria Ceramica moderna e contemporanea sul sito www.liberati.net per farvi un’idea su cosa sia l’arte della ceramica moderna:

“Come più volte ribadito, nel mio mestiere non c’è un punto d’arrivo e prefiggersi dei traguardi significherebbe limitare la creatività. L’unico impegno che ho preso con me stesso è quello di continuare per tutta la vita nel campo dell’arte e della ceramica, cercando di trasmettere agli altri belle sensazioni ed energie positive.”

Vostro, Mani.

Sculture in ceramica moderna di Lorenzo Liberati_Ceramiche Liberati

Sculture in ceramica moderna di Lorenzo Liberati 

Sculture in ceramica moderna di Lorenzo Liberati

Ciao amanti della ceramica!

Di volta in volta state imparando sempre più a conoscere le personalità dei Maestri artigiani del laboratorio Ceramiche Liberati. Oggi voglio parlarvi dell’innato talento “scultoreo” del giovane Lorenzo Liberati, classe 1994. Figlio d’arte di Giuseppe e Assunta Liberati, già da piccolissimo, come raccontano i genitori, Lorenzo amava giocare con l’argilla e riusciva a modellare forme semplici ma dalle linee ben definite e concrete. La sua innata dote artistica lo fa orientare verso studi legati al mondo dell’arte, scegliendo di frequentare il Liceo Artistico “G. Misticoni” di Pescara – Abruzzo. Nei suoi momenti liberi, sin da bambino, amava trascorre il suo tempo all’interno del Laboratorio, dove argilla, pennelli e colori rappresentavano parte dei suoi “giochi” quotidiani.

Il concetto di scultura è molto ampio, ma di base è l’arte di creare un qualcosa partendo da materie prime ancora allo stato grezzo. Vi sono diverse tipologie di materiali che possono essere utilizzate, si può modellare per sottrazione o addizione, nel primo caso quando si scolpisce la pietra o il legno si va a scalfire e incidere, ovvero sottrarre del materiale, tale processo è necessario per dare la forma desiderata, mentre nel secondo caso utilizzando l’argilla (o materiali plastici simili) si parte da una base sulla quale verranno aggiunte porzioni del materiale, che man mano vengono modellate per dare forma alla scultura.

L’arte della scultura ceramica difficilmente può essere imparata senza una costante pratica all’interno di una bottega o in un laboratorio di ceramisti, o anche in autonomia a casa, alla quale occorre aggiungere tanta dedizione e passione, talvolta fatta anche di rinunce. Osservare, sperimentare e provare, sono i passaggi fondamentali ed efficaci che un giovane dovrebbe poter affrontare durante il percorso artistico in ambito scultoreo. Spesso, la modellazione a mano libera è un minuzioso lavoro che, oltre alle doti naturali, richiede molto tempo e impegno da parte dell’artista che, in un periodo “soggettivo” più o meno lungo, andrà ad acquisire bravura e istinto senza neanche accorgersene. Grazie ai percorsi artistici individuali, ogni artista che realizza sculture in ceramica moderna, attraverso la propria idea iconografica e stilistica, si distingue in modo netto dagli altri.

Tecniche della scultura in ceramica moderna

Tra le tipologie di scultura in ceramica si distinguono:

  • scultura a tutto tondo, come busti e sculture equestri;
  • scultura a basso rilevo “i bassi rilievi”;
  • scultura in alto rilievo “gli alti rilievi”.

Nella fase di modellazione dell’argilla è necessario mantenere umida la materia da plasmare, favorendo in tal modo la modellazione manuale. In caso in cui la lavorazione debba essere fatta a più riprese, alla fine di ogni fase bisogna coprire l’opera con degli stracci umidi e una carta plastificata affinché l’argilla resti umida e modellabile fino alla fine della lavorazione. Una volta terminata la fase del “dare le forme” si provvede a far seccare la scultura all’aria, assicurandosi di non esporla al sole o ad una fonte di calore diretta perché si potrebbe spaccare o presentare deformazioni dopo la cottura. Finita la fase di essiccatura bisogna controllare che la scultura sia ben asciutta dentro e fuori per poi procedere alla fase di cottura “a biscotto”. A seconda del soggetto rappresentato e in base all’idea dell’artista la scultura sarà decorata e rifinita con diverse tecniche di decorazione della ceramica. Quando si tratta di sculture in ceramica moderna di grandi dimensioni (monumenti, pannelli, ecc.), tutta la fase di lavorazione diventa più complessa. Vi consiglio di leggere il mio precedente articolo blog Scultura d’autore per Ripa Teatina per scoprire come il Maestro Giuseppe Liberati e Lorenzo hanno realizzato un pannello in altro rilevo di dimensioni cm 205 x 205.

Le sculture in ceramica moderna realizzate da Lorenzo Liberati

Lorenzo inizia il suo percorso nel campo artistico in ambito scultoreo dalle proprie passioni, trasformando la sua visione di scultura in forme ceramiche straordinarie ed uniche, portando innovazione e modernità nel laboratorio Ceramiche Liberati. Il giovane Lorenzo Liberati, appassionato dei noti personaggi Comics, realizza una serie di sculture dedicate ai celebri personaggi della Marvel, tra cui IronMan, Thor, Hulk, DeadPool, Wonder Woman. Le sue sculture, inoltre, si ispirano al mondo del cinema italiano e hollywoodiano come Jack Sparrow, Totò, Predator e Marilyn Monroe.

Nonostante la sua giovane età, Lorenzo grazie alle spiccate doti artistiche nell’arte modellata, partecipando a diversi concorsi e mostre ha ottenuto già alcuni riconoscimenti. Tra le sculture in ceramica moderna più apprezzate vi è quella intitolata “La Forza”, per la realizzazione della quale Lorenzo ha utilizzato un’argilla refrattaria bianca, lasciata al naturale nella parte inferiore dell’opera, mentre per le figure stilizzate sovrastanti si è deciso di completarle in ceramica raku. L’albero e le sue radici simboleggiano la natura primordiale, la grande forza che ha generato la vita. Le due figure che prendono forma dalla linfa dell’albero, con slancio si proiettano verso il futuro verso un mondo nuovo dove la guerra lascia il posto alla pace e all’armonia fra i popoli, si stringono come se l’una non potesse esistere senza l’altra. Uguali e simmetricamente opposte, rappresentano l’abbraccio fra i popoli che è mosso da un unico grande sentimento e non conosce distinzione di sesso, razze e religioni. Il tutto è sorretto da due mani forti che con delicatezza avvolgono, proteggono e difendono la vita che ci è stata donata. L’opera ha partecipato nel luglio 2016 al Concorso “La Misericordia” indetto dall’Ente Mostra dell’Artigianato Artistico di Guardiagrele (Ch) Abruzzo, aggiudicandosi la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica Mattarella, consegnato a Lorenzo Liberati direttamente dal capo del Consiglio Superiore della Magistratura Sen. Giovanni Legnini.

Scultura a tutto tondo in ceramica italiana "La Forza", realizzata a mano da Lorenzo Liberati, Ceramiche Liberati

Le “Sculture della Terra” di Giuseppe Liberati

Sarebbe impossibile raccontarvi tutte le opere e le sculture monumentali realizzate dal Maestro Giuseppe Liberati in diversi periodi del suo percorso artistico. Sono decine di monumenti installati in Abruzzo e in Italia e una quantità non definita di sculture minori che oggi fanno parte di collezioni private. Per rendersi conto dello spessore artistico vi rimando alla pagina Gallery del sito Liberati nella sezione Sculture e monumenti dove potete ammirare una piccola parte delle sculture in ceramica moderna del Maestro Liberati. Qui vi presento soltanto le opere scultoree in ceramica moderna realizzate nel 2015, con le quali il Maestro ha partecipato all’esposizione itinerante di arte contemporanea sottotitolata “Sculture della terra“, dedicata alla ceramica, alla pittura e alla fotografia. Alla mostra internazionale hanno partecipato 46 artisti da tutto il mondo e le opere sono state esposta nei luoghi più prestigiosi della realtà artistica italiana.

Ha modellato a mano una serie di zucche decorative in ceramica dalle linee semplici e realistiche, rifinite con la tecnica dei riflessi ceramici. La decorazione “a riflessi” è una lavorazione caratterizzata delle sovrapposizioni di smalti, di diverse caratteristiche e colori. Nel forno a gas, indispensabile per questo tipo di lavorazione, durante la cottura vengono indotte delle riduzioni di ossigeno che permettono agli smalti di creare delle iridescenze ed effetti “specchiati” molto particolari. Con questa tecnica di lavorazione si ottengono sulla ceramica dei riflessi metallici singolari e dall’effetto sgargiante e cangiante.

Cari amici, per oggi concludo e vi aspetto nel Laboratorio Liberati dove potrete scoprire la ceramica a 360°, tra tradizione e innovazione, in creazioni uniche e meravigliose!

Vostro, Mani.

Festa della mamma Ceramiche liberati

Curiosità sulle ceramiche artigianali: Top10 domande e risposte

Curiosità sulle ceramiche artigianali: Top10 domande e risposte

Ciao cari amici della ceramica!

L’estate sta finendo, ma nonostante non sia ancora andato in ferie, mi sento pieno di energie! In questo periodo il Laboratorio Liberati è super impegnato con la partecipazione a mostre d’arte, fiere, eventi in Abruzzo e fuori regione. Tra piatti in ceramica con emblemi medievali, bomboniere artigianali e campanelle di tutte le dimensioni e decori, nascosto tra gli scaffali, mi sto godendo un ritmo lavorativo meraviglioso. Se osservi il laboratorio degli artigiani Liberati mentre lavorano, puoi percepire il “suono” delle loro mani mentre abilmente creano un manufatto… altro che musica! Questa è il frutto della sinergia tra esperienza e impegno, dell’attenzione e della cura per ogni minimo dettaglio che i maestri ceramisti mettono quotidianamente nel proprio lavoro. Il tutto racchiuso nella meravigliosa cornice del laboratorio, imponente e pieno di ceramiche artigianali meravigliose, circondato da un bellissimo giardino di ulivi centenari, fiori e imponenti alberi. Amo questo posto!

Tornando a noi e alle nostre curiosità sulle ceramiche artigianali, oggi vi propongo una rassegna di domande e risposte sulla ceramica artigianale. Da qualche mese, mi sto segnando alcune delle domande più frequenti che vengono fatte al Maestro Giuseppe, Assunta, Erika, Marta e Lorenzo. Nell’articolo di oggi cercherò di dare delle risposte molto facili e veloci per cerare di farvi conoscere il mondo delle ceramiche artigianali da più vicino e, chissà, magari vi svelerò qualche segreto 😉

1. Qual’è la differenza tra la ceramica industriale e la ceramica artigianale?

Le ceramiche artigianali sono fatte a mano. Dalla primissima fase di lavorazione, che parte dalla scelta del tipo dell’argilla e della tecnica da utilizzare per la modellazione (al tornio, a lastra, a pressa, a mano libera, a colombiano, ecc.) e fino alla fine della decorazione, è tutto fatto a mano. Le caratteristiche della ceramica realizzata, come la forma, il colore e la decorazione, dipenderanno esclusivamente dalle competenze e dalle capacità del ceramista. Nel 90% dei casi le ceramiche realizzate a mano saranno pezzi unici, ovvero pur essendo riproducibili non saranno mai identici. La ceramica industriale è detta anche “ceramica seriale” e viene realizzata da grandi aziende, nelle quali il processo di lavorazione è completamente automatizzato. Grazie ai nastri trasportatori, presse industriali e stampi multipli si riesce a lavorare l’argilla in modo veloce che permettono di realizzare prodotti ceramici in serie, di forme semplici e decori identici.

2. Come riconoscere la ceramica artigianale?

La prima cosa su cui informarsi per riconoscere la ceramica artigianale di qualità è conoscere la provenienza e soprattutto il nome del produttore. L’indicazione del nome del produttore è garanzia sia della qualità sia della tipologia di  lavorazione dell’oggetto. Una giusta e seria valutazione della qualità del prodotto consiste anche nell’apprezzare alcune piccole imperfezioni, perché sono piccoli indicatori di una lavorazione artigianale della ceramica. Anche il prezzo del prodotto potrebbe essere un indicatore dell’artigianalità della lavorazione, un costo eccessivamente basso potrebbe non rispecchiare i “canoni” legati alla lavorazione artigianale del prodotto. Alcuni chiarimenti in merito a questa domanda li trovate nel mio precedente articolo sulla ceramica Made in Italy, artigianale e sicura.

3. Come classificare la ceramica in tradizionale e moderna?

Non è facilissimo rispondere a questa domanda… Nel mondo delle ceramiche artigianali non esiste e probabilmente non potrà esistere una precisa classificazione tra il moderno e il tradizionale. Generalmente i manufatti in ceramica di varie forme con decorazioni caratterizzati da paesaggi, figurativi, scene mitologiche, fanno parte della categoria tradizionale. Nel Laboratorio Liberati, molti manufatti della categoria tradizionale e figurativa sono pezzi unici, riprodurcibili, realizzati e decorati a mano. Dall’altra parte, nella stessa categoria rientrano gli oggetti che rappresentano la tradizione locale della ceramica, come oggettistica con il tipico decoro a Fioraccio o altri piccoli magneti e campanelle. Mentre per la maggior parte della linea d’arte in ceramica contemporanea dal design moderno, vi sono le opere frutto dell’estro creativo e artistico del Maestro Giuseppe Liberati. L’idea della ceramica moderna che propone il Laboratorio Liberati si materializza in una gamma di manufatti d’arte che spazia tra arredamento – vasi, piatti da muro, centrotavola, pannelli, quadri, sculture – a lavorazioni più particolari e ricercate. Molte ceramiche realizzate in stile moderno sono caratterizzate da lavorazioni e tecniche particolari, come ceramica craquelé, raku nudo (raku naked), ceramica grés con e senza smalti, tecnica riflessi, ceramica semirefrattaria, lavorazione con argilla nera, utilizzo di cristalli a grosso spessore, oro zecchino e platino a terzo fuoco, lustri ceramici, tecnica di lavorazione della ceramica Crawling e molto altro. Per le opere realizzate con la tecnica mista vengono impiegati materiali come ferro, acciaio, acciaio corten, legno, pietra, fili e corde, plexiglas, ecc.

4. A che temperatura viene cotta la ceramica?

Dopo la modellazione, essicatura e rifinitura dell’oggetto in argilla, si procede con la fase di prima cottura della ceramica, detta anche cottura “a biscotto”.  Le ceramiche vengono accuratamente sistemate in un forno ceramico, che può raggiungere temperature  fino i 1500 °C. Il processo della cottura dura molte ore, perché è necessario che la temperatura segua curve di crescita e decrescita graduali e prestabilite. A seconda dell’argilla utilizzata per modellare l’oggetto vi è una specifica temperatura di cottura, di seguito alcune delle principali temperature:

  • Terracotta – si ottiene mantenendosi tra 960 e 1030 °C;
  • Terraglia tenera – si ha tra 960 e 1070 °C;
  • Terraglia dura – si ha tra 1050 e 1150 °C;
  • Gres – si ottiene tra 1200 e 1300 °C. Il Gres è un prodotto fortemente vetrificato, impermeabile e poco poroso;
  • Porcellana tenera – si ha tra 1200 e 1300 °C;
  • Porcellana dura – si ha tra 1300 e 1400 °C. Particolarmente usata nella ceramica industriale;
  • Ceramica High-Tech – si ottiene tra 1400 e 1700 °C, previo utilizzo di sostanze aggiuntive.

5. Cos’è la ruota del vasaio?

La ruota del vasaio o più comunemente detta “il tornio” è una macchina che veniva costruita in pietra per essere utilizzata nella modellazione dell’argilla per dare una forma regolare alle ceramiche cilindriche come vasi, piatti, centrotavola, ecc. In pratica il panetto d’argilla veniva poggiato su una piastra di legno attaccata alla pietra e, da sotto con i piedi, il vasaio la faceva ruotare velocemente modellando l’argilla con le mani. Oggi i torni moderni sono simili a quelli dell’antichità, ma la rotazione del piatto superiore è generata da un motore elettrico. All’interno del laboratorio di ceramiche abruzzesi Liberati, il tornio è lo strumento di modellazione usato sia dal Maestro Giuseppe Liberati sia dal figlio Lorenzo, che si sta dedicando alla conoscenza di questa antica tecnica di lavorazione…e chissà se un giorno diventerà più abile del padre 😉

6. È possibile restaurare, rincollare o rinnovare la ceramica?

Restauro della ceramica presso Ceramiche LiberatiNon sempre. Ma spesso il Maestro Giuseppe riesce a fare dei miracoli ;-). Scherzi a parte, restaurare o rincollare un oggetto in ceramica è molto difficile soprattutto quando si spera di ottenere un risultato “invisibile”. Dipende dal tipo di argilla utilizzata per realizzare il pezzo, dagli smalti con i quali è stato smaltato e dai colori ceramici con cui è stato dipinto. Spesso le ceramica che si prestano di più ad essere restaurate sono proprie quelle realizzate artigianalmente. Per maggiori informazioni sul restauro della ceramica vi consiglio l’articolo blog dedicato al restauro della ceramica o, se preferite, contattate il Laboratorio via mail info@liberati.net o su uno dei canali social per valuterete insieme al Maestro la possibilità di far rinascere una ceramica rotta.

7. È vero che i colori ceramici resistono ai raggi solari?

Si, è vero. Un manufatto in ceramica che sia un portaombrelli o un’opera d’arte, decorato e cotto a più di mille gradi non sbiadisce e non perde la lucidità del colore. Durane la cottura i colori essendo degli ossidi metallici, si fondono con l’argilla e vetrificano diventando cosi indelebili e super resistenti agli agenti atmosferici come umidità, sole o pioggia. Vi ricordo anche che tutte le ceramiche della categoria oggettistica possono essere lavati in lavastoviglie a basse temperature senza nessun rischio per il decoro o per l’integrità dell’oggetto stesso.

8. Cos’è la stampa digitale su ceramica?

La stampa digitale su ceramica è una delle più moderne tecniche di decorazione della ceramica. Qualsiasi immagine fotografica o un disegno digitalizzato, di tutte le dimensioni, possono essere riprodotti su ceramica. Solo per le composizioni più grandi, come pannelli o murales, l’immagine sarà divisa e ricomposta su più mattonelle. Il processo di realizzazione della stampa digitale su ceramica prevede diverse fasi e richiede abilita grafiche per la parte digitale e manuali per l’applicazione stessa. La fotoceramica è molto richiesta per la decorazione di gadget e souvenir perché rispetto alla decorazione manuale riproduce l’immagine in modo preciso,con costi ridotti. Questa tecnica è molto usata anche per la realizzazione di numerazione civica e araldica, nonché fotoceramica cimiteriale in ricordo dei defunti. Anche in questo caso, nella cottura dell’oggetto i colori fondendosi con gli smalti, diventano indelebili e resistenti agli agenti atmosferici.

9. Qual’è la differenza tra la ceramica e la porcellana?

Con il termine “ceramica” comunemente vengono definiti tutti gli oggetti realizzati in maiolica, porcellana, grès, ecc. Dal punto di vista tecnico, la ceramica è un materiale inorganico, non metallico, duttile allo stato naturale e rigido dopo la fase di cottura. Le principali tipologie di ceramiche sono: la terracotta o coccio, la terraglia, la maiolica, il gres e la porcellana che a sua volta può essere a pasta tenera o dura. La porcellana, quindi, è un particolare tipo di ceramica, che si ottiene a partire da impasti con presenza di caolino e feldspato, cotto a temperature tra i 1300 e i 1400 °C. La porcellana dura è formata da un impasto di caolino + feldspato + quarzo e richiede una temperatura maggiore di 1280 °C; la porcellana tenera si cuoce intorno ai 1200 °C. Inoltre, la porcellana è uno tra i più noti ed importanti prodotti di origine ceramica che dopo la cottura acquistano notevole durezza e una grande resistenza agli agenti esterni.

Laboratorio di ceramica in Abruzzo Ceramiche Liberati

10. In quanto tempo si diventa ceramisti?

Un ceramista, un vero Maestro ceramista, non smette mai di imparare e sperimentare. Non esiste un tempo in cui si può imparare questo meraviglioso mestiere, dipende molto dalla predisposizione personale e dalla manualità che ha la persona. Per poter essere un buon “ceramista”, si dovrebbe conoscere molte tecniche di lavorazione dell’argilla, avere conoscenza delle materie prime e delle varie tecniche di cottura della ceramica. A tutti i curiosi consiglio di partecipare agli OpenDay che organizzano i laboratori e le botteghe della ceramica nella vostra zona per farvi un’idea generale sulle fasi di lavorazione e partecipare anche ai corsi di ceramica, sia modellazione sia decorazione. Seguite la pagina ufficiale di Ceramiche Liberati su Facebook per essere aggiornati sulle novità del laboratorio.

Per qualunque altra curiosità o domanda potete scrivermi qui sotto nei commenti e vi risponderò al più presto. Vi lascio con questa breve, ma profonda citazione del simpatico Charlie Brown:

“Quando pensi di avere tutte le risposte, la vita ti cambia tutte le domande.” 😉

A presto!
Vostro, Mani.

Campanelle in ceramica artigianale di Ceramiche Liberati

Campanelle in ceramica tra tradizione e innovazione 

Campanelle in ceramica tra tradizione e innovazione

Salve!
di sicuro avete capito che il mio lavoro consiste nel raccontarvi al meglio tutto ciò che riguarda il mondo della ceramica artigianale e tutto quello che ci gira intorno. Abbiamo parlato di lavorazioni, manufatti, arte e innovazione. Alcune volte vi ho parlato di eventi e mostre strettamente legate al Laboratorio Liberati e alle loro ceramiche artistiche e artigianali. Mi rendo conto che piano piano devo allargare gli orizzonti e parlarvi di più della ceramica artigianale e del suo posto nel mondo, del perché nascono le tradizioni e usanze legate alla simbologia di un prodotto fatto con le mani in un determinato luogo per un determinato momento. Beh, iniziamo oggi parlando delle campanelle in ceramica artigianale proprio perché a breve in Abruzzo vi saranno due occasioni particolari dove se ne vedranno di tutti i tipi.

La campanella è uno strumento musicale che fa parte della famiglia idiofoni a percussione a battente. A seconda della dimensione della campana e del materiale utilizzato nella realizzazione,  il suo suono varia. Ad esempio, nella campana in metallo da chiesa il suono prodotto dalla percussione del pendolo di ferro, chiamato battacchio, è forte perché la campana sarà di grandi dimensioni ed è anche sonoro perché da usanza la campana deve essere sentita da lontano. Infatti, nell’occidente la campana è realizzata solitamente in bronzo e nel mondo cristiano le campane in chiesa hanno sempre avuto una funzione ben specifica – scandire i tempi della messa e come richiamo per funzioni, ricorrenze ed eventi riguardanti direttamente la comunità locale.

Scommetto che nessuno di voi ha mai pensato da dove arriva il nome italiano “campana”. Qual è la sua origine? Dunque, il nome italiano deriva dal latino vasa campana, ovvero un’espressione che indicava dei catini emisferici inizialmente realizzati in bronzo e poi in terracotta, prodotti nella zona di Napoli che appunto si trova in Campania. Semplicemente per similitudine di forma anche la campana che suona fu chiamata come il vaso. In latino invece la campana era chiamata tintinnabulum in riferimento al suono che produce.

Le campanelle in Abruzzo: nelle feste per piccolo e grandi

Agosto, mese di ferie e vacanze, ricco di fiere, sagre e manifestazioni, offre anche la possibilità di ammirare i prodotti dell’artigianato abruzzese tra cui anche le campanelle. Si tratta della Sagra di San Rocco a Vasto che si svolge ogni anno il  16 agosto e della festa patronale del 31 agosto a Lanciano in onore di Maria SS. del Ponte.

Ceramiche Liberati, come avrete ben capito 😉 è un laboratorio di ceramica artistica e artigianale, che come vi ho sempre detto, realizza manufatti che spaziano dal pezzo unico dall’elevato spessore artistico, a  piccoli manufatti di grande valore culturale che rispettano la migliore tradizione abruzzese come, appunto, campanelle in ceramica. Come ogni anno anche in questa edizione Ceramiche Liberati sarà presente alle due feste abruzzesi dedicate alle campanelle, naturalmente quelle del laboratorio vengono realizzate artigianalmente, per un campanella in ceramica 100% Made in Abruzzo.

  • Campanelle in ceramica a Vasto 16 agosto

La sagra di San Rocco è una festa molto particolare dedicata al protettore di tutti i turisti. San Rocco, vero nome Rocco di Montpellier (denominazione della città natale) era un pellegrino e taumaturgo francese, nato tra 1346 e 1360 e morto nella notte tra il 15 e il 16 agosto. San Rocco è diventato celebre durante l’epidemia della peste che colpì l’Europa tra 1367 e 1368, in particolare in quegli anni girò l’Italia aiutando i malati. La visita che fece nella città di Acquapendente rimane un evento registrato da moltissime scritture dell’epoca che narrano dell’arrivo del giovane pellegrino in città su invito di un angelo dove San Rocco benediceva gli appestati con il segno della croce e all’istante li guariva toccandoli con la mano taumaturgica.

Nei suoi spostamenti in giro per l’Italia San Rocco era accompagnato dal tintinnio di una campanella attaccata al suo bastone. A Vasto (Ch) Abruzzo  in memoria di San Rocco ogni anno, nella data della sua morte, ovvero 16 agosto, viene organizzata una festa, che ha per simbolo  la campanella. Piazza Rossetti, la principale piazza di Vasto, accoglie un grande fiera/mercato di artigianato abruzzese e italiano, dove si possono trovare una moltitudine di campanelle realizzate in diversi materiali: dalla terracotta al metallo, dal vetro all’ottone. Si possono ammirare campane di tutte le dimensioni realizzate dalle abili mani degli artigiani abruzzesi e non solo. Una giornata unica e indimenticabile, rallegrata da un continuo scampanellio. Solitamente l’appuntamento per l’inizio della festa con balli e canti locali è per la mattina del 16 agosto, in piazza Rossetti dalle ore 8,00, sarà possibile visitare il mercatino fino alla tarda sera. Naturalmente vi consiglio di passare allo stand di Ceramiche Liberati (situato all’ingresso di Piazza Rossetti), per ammirare tutte le loro creazioni e magari per regalare o regalarvi una campanella artigianale.

  • Campanelle in ceramica a Lanciano 31 agosto

Una delle più importanti feste lancianesi dedicate all’artigianato si svolge il 31 agosto in onore del Sant’Egidio, frate benedettino morto nel 721, protettore di storpi e lebbrosi. Si tratta di una festa patronale che inizia nella serata del 31 agosto quando la principale piazza della città, ovvero, Piazza Plebiscito e il Corso Trento e Trieste si riempiono di espositori e bancarelle che propongono merci di ogni genere e manufatti d’artigianato locale. Per via di un grande interesse per l’artigianato e per la vastità di manufatti esposti, con il passare degli anni la festa si è evoluta e ha assunto un carattere diverso, piano piano è diventata una vera Fiera del Giocattolo. Tra gli spazi espositivi vi si trovano giocattoli di tutti i tipi e generi, dal tradizionale al moderno. Per gli adulti è una buona occasione per tornare piccoli e, dall’altra parte per i piccoli è un vero parco divertimenti.

Anche Sant’Egidio portava con se un bastone con la campanella attaccata per avvisare i malati del suo arrivo. Infatti anche a Lanciano, l’oggetto-simbolo della festa è la campanella in ceramica o terracotta , ma con un significato legato anche alla tradizione lanciasse: il fidanzato acquista la campanella per regalarla alla propria promessa sposa in segno della conferma della promessa d’amore. I festeggiamenti proseguono fino a tarda sera e anche il giorno dopo da ogni parte della città si sente arrivare il tintinnio delle campanelle di S. Egidio.
Anche in questa occasione potete trovare le campanelle del Laboratorio Liberati, che spaziano dalla più classica alla più estrosa, dimenticavo potete trovarli in Piazza Plebiscito (di fronte il bar) – Lanciano (Ch) – Abruzzo.

Campanelle in ceramica artigianale di Ceramiche Liberati

Di seguito vi presento una sintetica categorizzazione delle campanelle realizzate dal laboratorio Ceramiche Liberati. Come per tantissimi oggetti realizzati artigianalmente è estremamente difficile classificarli in delle categorie o gruppi. Provo a farvi una breve presentazione delle campanelle in base allo stile, al decoro e alla forma. Vi preciso inoltre che le campanelle in base alla forma possono essere di diverse dimensioni.

Campanelle in ceramica in stile CLASSICO
Per decoro le campanelle potrebbero essere suddivise in:

  • decori dipinti a mano:
    – floreale;
    – tradizionale (decori tipici locali come il Fioraccio, Riquadro, ecc.);
    – a fascia floreale.
  • decorati con la stampa digitale su ceramica:
    – immagine che rappresenta i mestieri;
    – paesaggio marino, naturalistico o misto.
  • decoro monocromatico con degli elementi a rilievo:
    – sole;
    – angelo.
  • campanelle traforate e decorate a mano con uno dei decori floreali o a fascia floreale.

Campanelle in ceramica in stile “MODELLATO”
Le campanelle moderne si distinguono per forme particolari o decori non tradizionali:

  • campanelle monocromatiche a forma di cuore con dediche d’amore e frasi d’autore;
  • campanelle a forma di animali stilizzati:
    – pecora;
    – coccinella;
    – pesce;
    – pinguino;
    – gatto;
    – cane;
    – gufo;
    – maiale;
  • campanelle a forma di teschio con motivi decorativi che richiamo i famosi “Teschi messicani”.

Se avete domande o curiosità, non esitate e lasciatemi un vostro commento, vi risponderò nel più breve tempo possibile…oppure potete venire a trovarmi nel  laboratorio Liberati a Villamagna (Ch) o in occasione della festa delle campanelle per ammirare queste piccole, tintinnanti opere d’arte ;)!

Vostro, Mani.

Ceramica per eventi articolo blog di Ceramiche Liberati

Ceramica per eventi, sagre, fiere e manifestazioni

Ceramica per eventi, sagre, fiere e manifestazioni

Cari amici della ceramica,

oggi vi parlerò di uno degli eventi più scenografici organizzati in Abruzzo: “A cena con i Bizantini”, che si svolge nel borgo di Crecchio. Vi starete chiedendo come mai ho deciso di dedicare un mio articolo alla nota manifestazione, naturalmente ve ne parlo perché anche la ceramica è al centro di questa rievocazione. Di sicuro posso dirvi che è un evento a cui bisogna assistere almeno una volta: ricercato, emozionante e bizantino al cento per cento! Qui di seguito vi riporto la presentazione dell’evento disponibile sul sito ufficiale della festa.

Da un’iniziativa del Ministero per i Beni e le Attività Culturali: “a tavola con i popoli antichi”, l’intuizione dell’Archeoclub d’Italia-Sede di Crecchio (che dal 1993 gestisce il Museo dell’Abruzzo Bizantino ed  Altomedievale allestito nelle sale del Castello Ducale), unita all’operosità ed allo sforzo corale delle associazioni che animano  questo Comune, di dare vita ad un evento che ogni  anno  accoglie migliaia di visitatori durante le tre serate in cui si svolge la manifestazione.

“A cena con i Bizantini”: Dall’imbrunire a tarda ora… un viaggio nella memoria della nostra terra, ripercorso attraverso incontri culturali a tema, visite guidate in costume al museo, ricostruzioni della società bizantina, percorsi enogastronomici itineranti per le vie dell’antico borgo.Ceramica per eventi, sagre, fiere e manifestazioni - A cena con i bizantini

Dalle prime luci dell’alba, una comunità operosa, dopo essersi preparata per mesi, si mette all’opera per aprire il sipario al calar del sole, quando si accendono le torce, il borgo si popola di soldati, matrone, cortigiani, eunuchi e i profumi  accendono i sensi nel centro storico ove si ode il rullare dei tamburi, le grida di battaglia dei soldati, il suono delle tube annuncia un lungo corteo trionfale celebrante le gesta del comes Vitaliano, conquistatore di Aternum (Pescara) e liberatore dai longobardi. Si possono gustare prelibatezze del tempo, servite in piatti di ceramica sigillata africana, sorseggiare vino al miele, spezie e petali di rosa, distribuiti nei punti ristoro allestiti lungo le vie del borgo.

A Cena con i Bizantini… un percorso culturale ed enogastronomico itinerante nel centro storico di Crecchio. Le vie e le piazze dell’antico borgo saranno animate da suggestive rievocazioni, scene di vita quotidiana, esercitazioni militari, antichi mestieri, musiche, danze che ci riporteranno ai tempi in cui le navi di Bisanzio ormeggiavano nei nostri porti e le sue truppe presidiavano quelle ville, come quella di Vassarella, dove fasto e mistero s’intrecciavano con il quotidiano. Un viaggio nella memoria della nostra terra ripercorso attraverso visite guidate al museo, conferenze tematiche e la riscoperta dei cibi e sapori della cucina bizantina e medievale.

Ceramica per eventi, sagre e manifestazioni

Da diversi anni ormai, il Laboratorio Ceramiche Liberati fornisce ciotole (piatti) e bicchieri in ceramica per l’evento enogastronomico “A cena con i Bizantini”, realizzati in appositamente per la manifestazione. Sia il piatto sia il bicchiere, rispettano le forme usante nel periodo bizantino, anche per il colore dell’argilla usata è stato fatto una ricerca approfondita per trovare la tonalità che più si avvicinasse a quella del passato. Al centro del piatto viene riportata l’incisione di uno emblema che richiama un antico stemma ritrovato nei vari scavi archeologici oltre alla scritta “A cena con i bizantini” anche quest’ultima incisa.

Il laboratorio Ceramiche Liberati realizzata, anche su disegno e con ampia personalizzazione, diversi articoli in ceramica per eventi: piatti con logo, bicchieri di varie forme, ciotole, targhe per premiazioni, souvenir in ricordo dell’evento, ecc. Inoltre grazie all’utilizzo della stampante digitale, introdotta già da oltre 15 anni all’interno del Laboratorio Liberati, sempre più spesso arrivano in laboratorio richieste di oggettistica in ceramica per eventi, personalizzati con le riproduzione di loghi e/o disegni con la tecnica della decalcomania digitale indelebile. Tutte le ceramiche decorate con questa tecnica rientrano della categoria dell’artigianato digitale della ceramica.

La ceramica per eventi viene richiesta da enti, comuni, regioni, pro-loco, associazioni e cooperative ma anche i privati che vogliono personalizzare i propri gadget, premi o targhe commemorative e creare ceramica originali ed esclusive, doni promozionali per rendere visibile la propria attività e farsi ricordare attraverso i manufatti artigianali di altissima qualità. La ceramica, da sempre, è uno simbolo ed una garanzia in stile sobrio ed elegante.

La versatilità dell’argilla unita alla sapienza e alla profonda conoscenza delle tecniche di manipolazione di questa materia permette di realizzare manufatti di qualsiasi genere. Ogni idea di oggetto si materializza grazie alle abilità di sapienti artigiani del Laboratorio Ceramiche Liberati.

Invito tutti a visitare l’esposizione di Ceramiche Liberati a Villamagna (Ch) – Abruzzo in via Val Di Foro 101, senza alcun impegno, dove potrete ammirare la bellezza della ceramica abruzzese e italiana in tutte le sue sfaccettature, dal tradizionale al moderno un viaggio fantastico nel mondo magico della ceramica artistica!

Ci vediamo a Crecchio!
Vostro, Mani.

Quali souvenir in ceramica comprare in Abruzzo? Articolo blog sulla ceramica

Quali souvenir in ceramica comprare in Abruzzo?

Quali souvenir in ceramica comprare in Abruzzo?

Buongiorno a tutti!

Confermo a tutti che siamo in piena estate! Io, in particolare, che vivo nel Laboratorio Liberati che a si trova nel meraviglioso Abruzzo, amo l’estate follemente! Questo amore incondizionato non riguarda solo la presenza di lunghe e altrettanto belle giornate di sole, ma anche perché la stagione estiva fa si che arrivino persone da tutto il mondo a scoprire la nostra terra, in tutte le sue sfaccettature: mare, montagna, cibo, tradizioni, sagre, artigianato, ecc. Ogni persona che visita la Regione più verde d’Europa riporta con sé ricordi e sensazioni, che aiutano a diffondere in tutto il mondo la bellezza del nostro territorio.

Oggi dedico il mio articolo sulla ceramica a tutti quelli che visitano l’Abruzzo e vogliono riportarsi un ricordo tangibile della regione in stile abruzzese. Voglio parlarvi dei souvenir, in particolare dei souvenir in ceramica da comprare in Abruzzo per averne un ricordo rappresentativo. Cominciamo con un chiarimento sulla parola “souvenir“, di origine francese, letteralmente significa “ricordo”. Con il tempo, visto che il termine veniva utilizzato sempre più spesso anche per indicare gli “oggetti-ricordo” del passato, è diventata una parola che indica un oggetto che si acquista o si regala quando, visitando luoghi di particolare interesse turistico, si vuole conservarne la memoria o ricordare l’evento stesso.

In risposta all’esigenza di creare e mettere disposizione, principalmente dei turisti, i souvenir che rappresentino l’Abruzzo, negli anni, Ceramiche Liberati ha ideato una linea di ceramiche Gadget e souvenir, l’offerta spazia da piccoli oggetti in ceramica come calamite a piatti, ovali da muro e statuette in ceramica di diverse dimensioni. I gadget o i souvenir in ceramica sono caratterizzati da dimensioni medio-piccole dell’oggetto e quindi dai costi contenuti. Come già anticipato, realizzano magneti in ceramica, calamite in ceramica, ovali in ceramica, mattonelle in ceramica, fermacarte in ceramica, piatti o piattini in ceramica, statuette in ceramica, portachiavi in ceramica, portapenne in ceramica, ecc. Tutti questi souvenir in ceramica riproducono un’immagine, un logo, un disegno, un simbolo e/o una storia rappresentativa che è in grado di ricondurre al ricordo legato ad un luogo. Come avrete già capito leggendo il mio blog, ma cerco sempre di precisarlo, il Laboratorio Liberati realizza souvenir e gadget in ceramica unici e molto particolari sia nel decoro sia nella forma. Per maggiori informazioni è possibile fare la richiesta scrivendo direttamente a info@liberati.net oppure compilando il form di richiesta direttamente sulla pagina Contatti del sito Liberati.

Quali souvenir in ceramica comprare in Abruzzo?

Per rispondere alla domanda quali souvenir in ceramica comprare in ricordo dell’Abruzzo vi propongo una breve presentazione del manufatto e del perché rappresentano l’Abruzzo. Per scoprire più dettagli e conoscere le tecniche di lavorazioni vi invito a visitare la singola pagina linkabile dal titolo del paragrafato.

1. Calamita a rilievo Trabocco abruzzese

Calamita a rilievo trabocco, dipinto a mano, Ceramiche Liberati

La Calamita a rilievo Trabocco abruzzese è realizzata in ceramica artigianale e dipinta a mano a colori. Il magnete-souvenir rappresenta uno dei più famosi paesaggi marini abruzzesi ovvero il Trabocco. I trabocchi sono costruzioni su palafitte che poggiano sui fondali marini e/o sugli scogli, utilizzati per pescare. La struttura del trabocco viene retta da cavi e travi non completamente collegati tra loro, dalle piattaforme si staccano le antenne, che sostengono le reti necessarie per la pesca. Non vi sono trabocchi uguali tra loro, ogni costruzione si differenzia non solo per l′architettura, ma anche per dimensioni e per forma. Nel 1994 la Regione Abruzzo ha emanato una legge, per la promozione e il recupero dei trabocchi nelle coste abruzzesi, considerandoli importante patrimonio culturale e ambientale.

Solo negli ultimi anni si è riscoperta e valorizzata la bellezza dei luoghi lungo la costa, dove si possono ammirare queste affascinanti costruzioni: i Trabocchi, che sono entrati a far parte ora del patrimonio monumentale d′Abruzzo e Molise. Non a caso Ceramiche Liberati dedica ai Trabocchi una linea di decoro e vi invito a leggere l’articolo Trabocco dipinto su ceramica: Simbolo d’Abruzzo.

2. Magnete Arrosticino abruzzese

Magnate arrosticino abruzzese in ceramica, Ceramiche Liberati

Il Magnete in ceramica a forma di arrosticino, è un omaggio al prodotto agroalimentare diventato emblema dell′Abruzzo. Rappresenta di sicuro uno tra i piatti tipici abruzzesi più apprezzato in Italia e all’estero, non si può visitare tale regione italiana senza provarli. L′Arrosticino a magnete, realizzato artigianalmente e dipinto a mano in ceramica maiolica con autentico spiedino in legno, è un gadget artigianale unico e sfizioso, da regalare e regalarsi. La scritta sul magnate “l’arrosticino d’Abruzzo”, invece, è realizzato con la tecnica dell’artigianato digitale, ovvero una stampa indelebile su ceramica.

Ai super appassionati di Arrosticini consiglio di dare un’occhiata anche ai portaarrosticini in ceramica realizzati da Ceramiche Liberati, un ″must-have″ per le giornate estive da sfoggiare in compagnia di parenti a amici, io che li uso già da un po’ possono dirvi che sono utili e originali.

3. Souvenir magneti da frigo e statuette “animali d’Abruzzo

Ceramiche Liberati riproduce diversi animali tipici dei parchi abruzzesi in ceramica, sia come calamite da frigo sia come statuette di varie dimensioni. Ad esempio, l’orso bruno marsicano, da tempo diventato un emblema del parco d’Abruzzo, è riprodotto come calamita di piccole dimensioni, dipinto a mano con colore marrone e come statuetta in ceramica patinata anticata. L’orso marsicano, che rientra nella sottospecie differenziata geneticamente dagli orsi delle Alpi, è caratteristico esclusivamente dell’Italia centrale. Grazie a recenti ricerche scientifiche si stima una popolazione di circa 50 esemplari nel territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo e zone limitrofe.

Anche il Lupo d’Abruzzo ha il suo magnete e la sua statuetta in ceramica realizzata con una colorazione patinata anticata, prodotta in modo artigianale e con la scritta “Il Lupo d’Abruzzo” fatta a mano. Il Parco Nazionale d’Abruzzo ospita diversi esemplari del Lupo Appenninico, un animale difficilissimo da avvistare perché si muove sopratutto durante la notte e di giorno invece si rifugia nei luoghi poco accessibili. I lupi possono vivere sia in modo isolato che in piccoli branchi, organizzati in modo gerarchico. L’animale è un abile predatore che si sposta continuamente per ricercare le prede che sono in prevalenza piccoli animali e ungulati.

E come dimenticare la Pecorella? Il Magnete Souvenir in ceramica Pecorella d’Abruzzo è stato realizzato in maiolica italiana e dipinto a mano, rappresenta una simpatica pecorella abruzzese con un papillon di vari colore. Il magnete Pecorella si propone come uno dei più tipici souvenir da conservare in ricordo della visita della regione Abruzzo, che essendo la regione più verde d’Europa con oltre un terzo della sua superficie coperta da Parchi e Riserve e grazie alla predisposizione geografica naturale la regione, è famosa per la pastorizia e l’allevamento di pecore, da cui si ricavano i gustosi arrosticini abruzzesi. 😉

4. Magneti in ceramica donna abruzzese in costume tradizionale

Magnete quadrato donna in costume abruzzese 5x5, Ceramiche Liberati

Nel rispetto delle tradizioni, il Laboratorio Liberati realizza una serie di calamite quadrate con omaggio alle donne in costume abruzzese tradizionale. Le immagini rappresentato donne abruzzesi in situazioni di vita quotidiana ambientate nel passato: con la conca alla fontana del paese, con il cesto di erbe e fiori, camminando sul sentiero, donne al mare, ecc. I primi esemplari delle donne in costume abruzzese tradizionale sono stati dipinti a mano e successivamente con l’ausilio della speciale stampante per la ceramica riprodotto sul magnete frigo. La tecnica della stampa digitale a fuoco, grazie alla cottura a 940ºC, permette all’immagine di vetrificarsi rendendola indelebile.

5. Guerriero di Capestrano in ceramica

Guerriero di Capestrano in ceramica artigianale, Ceramiche Liberati

Il Guerriero di Capestrano, ritrovato nel 1934 nell’omonimo borgo, è un’icona simbolo dell’Abruzzo e della sua identità. La scultura risale alla metà del VI sec. a.C. rappresenta una figura maschile con braccia ripiegate sul petto, in costume militare: in realtà è una statua funeraria di un principe guerriero, collocato sulla sommità del tumulo di terra posta sopra la tomba. Il Guerriero è un’opera realistica e fantastica allo stesso tempo. Il copricapo, a forma di disco e dall’incredibile ampiezza è completato da una calotta semisferica con una cresta innestata che genera una sorta di coda.

Vi ho raccontato la storia completa sul Guerriero di Capestrano in un mio articolo precedente della serie Simboli d’Abruzzo. Il Laboratorio Liberati, oltre al magnete-souvenir da frigo, realizza statuette in ceramica del Guerriero di Capestrano in tre diverse dimensioni in Scala 1:16, in Scala 1:8 e in Scala 1:4.

6. Ceramica abruzzese con decoro Fioraccio dipinto a mano

Brocca o caraffa in ceramica artigianale, decoro Fioraccio, Ceramiche LiberatiIl Fioraccio è il decoro floreale su ceramica maiolica più rappresentativo dell’Abruzzo. Solitamente viene fatto su oggettistica da cucina: barattoli, piatti, poggia mestolo, tazzine da caffè, vassoi, ciotole, porta biscotti, ecc. La decorazione consiste nel disegnare a mano fiori selvatici tipici del territorio sull’oggetto smaltato a toni chiari. Diversi ceramisti nella regione realizzano questo decoro, ma già dalla vivacità dei colori è possibile riconoscere il “fioraccio abruzzese” di Ceramiche Liberati. Per maggiori informazioni e per scoprire in dettaglio le principali caratteristiche e il significato del decoro vi invitiamo a leggere l’articolo del nostro blog dedicato al Fioraccio abruzzese.

Tutti i manufatti con il decoro Fioraccio rappresentato l’Abruzzo e possono diventare un souvenir o un regalo più importante da donare e conservare in memoria e come ricordo della visita in Abruzzo.

Il Laboratorio Ceramiche Liberati è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle 12:30 e dalle ore 15:00 alle 19:00 e il sabato dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 19:30. Indirizzo: via Val di Foro 101, Villamagna (Chieti) Abruzzo – Italy. Il negozio online è aperto h24 😉 ! Per qualsiasi informazione potete contattare il Laboratorio anche sui social @CeramicheLiberati.

Con questo vi saluto e spero sinceramente di avervi dato qualche indicazione su quali souvenir in ceramica comprare in Abruzzo:

“Sarà un bel souvenir: una fotografia, una canzone fra i denti.
Ma ci sarà un souvenir che ci commuoverà fino a farci contenti.”

(dalla canzone “Sarà un bel souvenir” di Luciano Ligabue)

Vostro, Mani.

Set barattoli in ceramica per cucina 7 pezzi, decoro Fioraccio, Ceramiche Liberati

Barattoli in ceramica artigianale dipinti a mano

Barattoli in ceramica artigianale dipinti a mano

Ciao amici della ceramica!

Anche se fuori fa caldissimo e l’estate non promette pioggia, io sono qui a parlarvi della ceramica artigianale moderna e tradizionale, una ceramica bella, ma anche funzionale. Proprio così “funzionale”! Oggi vi parlerò di barattoli da cucina ovvero quei contenitori che ogni “brava” cuoca ha sugli scaffali e credenze della propria cucina. Alti, bassi, grandi, piccoli, panciuti o cilindrici sono tutti barattoli destinate a contenere le vostre spezie, caffè, sale, zucchero, peperoncino, aglio, cipolla… insomma tutto quello di cui non potete fare a meno in cucina.

I barattoli in ceramica rientrano nella categoria Oggettistica in ceramica funzionale che racchiude tutti quei manufatti in ceramica utili per la vostra casa e che hanno una funzionalità ben precisa all’interno dell’ambiente per il quale sono destinati.

Ma come scegliere il barattolo in ceramica giusto?

Beh, considerato che di solito i barattoli vengono messi in bella vista, come prima cosa scegliete il decoro che fa più al caso vostro e si adatti al meglio all’ambiente dove verrà posizionato. Tutti i barattoli in ceramica artigianale realizzati dal Laboratorio Ceramiche Liberati sono decorati a mano con colori ceramici e utilizzando la tecnica a pennello. Ci tengo a precisare che tutti gli smalti e i colori utilizzati per decorare i barattoli, ma anche altri manufatti destinati ad essere utilizzati a contatto con gli alimenti, rispettano la legge sulla sicurezza alimentare MOCA. Per approfondire l’argomento vi rimando al mio precedente articolo blog sulla ceramica certificata.

Descrizione dei decori di barattoli in ceramica 

In base al decoro si distinguono le linee della ceramica funzionale. Attualmente disponibili all’acquisto on-line sono i barattoli in ceramica che fanno parte della linea di decoro Fioraccio, Teate e Orchidea. Vi riporto una brevissima descrizione che spiega il significato di ogni decoro realizzato dal Laboratorio Liberati.

Barattoli in ceramica artigianale di Ceramiche Liberati

Fioraccio – è il decoro floreale più rappresentativo dell’Abruzzo. La decorazione consiste nel disegnare a mano fiori selvatici, tipici del territorio, sull’oggetto smaltato a toni chiari. Solitamente su qualunque forma dell’oggetto in ceramica, i fiori vengono dipinti in posizione centrale e ridimensionati proporzionalmente alla grandezza del manufatto. Vi consiglio di dare un’occhiata all’articolo Fioraccio abruzzese: Simbolo d’Abruzzo per scoprire tutte le caratteristiche del vero fioraccio abruzzese.

Teate – è un decoro caratterizzato dallo sfondo chiaro con un motivo floreale in monocromo che sfrutta le tonalità del blu. Su tutti gli oggetti realizzati da Ceramiche Liberati il dipinto Teate viene rappresentato come fascia di fiori monocromatica nella posizione centrale, con linee ondeggianti o ad archetto che racchiudono il disegno. I fiori dipinti sono delle piccole violette dai cinque petali, che si intervallano con rametti dalle morbide curve, il tutto arricchito da foglioline dalla forma allungata.

Orchidea – è un decoro ceramico realizzato a mano in omaggio al fiore orchidea che, oltre alla bellezza indiscussa come fiore, ha una storia importante e un fascino particolare. Esteticamente perfetto il fiore rappresenta l’eleganza, la raffinatezza e l’armonia. Gli oggetti decorati con motivi floreali ispirati alle orchidee vengono scelti come regalo soprattutto in segno di rispetto, dell’amore e come atto del riconoscimento e gratitudine verso la persona a cui vengono donati.

Ceramiche Liberati, come già più volte ribadito è un laboratorio di ceramica artigianale a 360°, offre illimitate, o quasi 😉 possibilità di personalizzazione – ogni manufatto, soprattutto per quanto riguarda la ceramica funzionale può essere personalizzato nel decoro.

Modelli di barattoli in ceramica disponibili

Il Laboratorio Liberati realizza 7 principali modelli di barattoli, tutti con il coperchio in ceramica abbinato in base alla forma e al decoro, alcuni dei quali vengono anche personalizzati con il nome del prodotto alimentare che vanno a contenere:

Ognuno di questi barattoli ha le proprie dimensioni e può contenere una certa quantità di prodotto. Tutte le caratteristiche sono indicate nelle schede dei barattoli in ceramica disponibili all’acquisto online.

Perché i barattoli per cipolla, aglio e peperoncino sono traforati?

Barattolo portacipolla in ceramica teate, Ceramiche Liberati

Gli alimenti come cipolla, aglio o peperoncino, che teniamo sempre sotto mano, tendono ad ammuffire in un ambiente umido come la cucina. I fori presenti permettono di tenere sotto controllo il livello dell’umidità all’interno del barattolo il che diminuisce il rischio della formazione delle muffe e quindi la creazione di cattivi odori.

Per oggi  non voglio dilungarmi troppo, credo di avervi dato dei pratici consigli su come scegliere il  barattolo ideale per la vostra cucina, o in alternativa dei consigli su cosa regale ad amici e parenti! 😉

Vi saluto così: “Non c’è posto al mondo che io ami più della mia cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tanti strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano. Un luogo che condivido volentieri con gli amici a me cari.” – Banana Yoshimoto

Alla prossima, Vostro Mani!