La nostra storia

La nostra storia

Giuseppe Liberati, nato a Villamagna nel 1958, ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte “Nicola da Guardiagrele“ di Chieti. Tra tutti i laboratori previsti dal piano di studi rimase affascinato proprio dal laboratorio di ceramica, merito anche del suo insegnante e Maestro Prof. Luigi Bozzelli, una delle figure più importanti della scuola, sia perché fu un fondatore della stessa, sia per i suoi studi a Faenza e per i suoi trascorsi familiari. Durante i cinque anni di scuola si rafforzò sempre di più, in lui, la convinzione di voler aprire una bottega artigianale di ceramica. Nel 1978, in occasione degli esami di maturità, espresse questa sua intenzione: non avrebbe continuato gli studi, ma avrebbe iniziato a lavorare in un suo laboratorio di ceramica. Fermo di questa decisione, si rivolse al suo insegnante Bozzelli rendendolo partecipe delle proprie aspirazioni. Bozzelli, colpito dalla determinazione e dall’entusiasmo dell’ex allievo, manifestò tutta la sua volontà nel mettere a disposizione il suo sapere e la sua esperienza…

Continua a leggere

Giuseppe Liberati, nato a Villamagna nel 1958, ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte “Nicola da Guardiagrele “di Chieti. Tra tutti i laboratori presenti rimase affascinato da quello di ceramica, merito anche del suo insegnante e Maestro Prof. Luigi Bozzelli, una delle figure più importanti della scuola, sia perché fu un fondatore della stessa, sia per i suoi studi a Faenza e per i suoi trascorsi familiari. Durante i cinque anni di scuola si rafforzò sempre di più, in lui, la convinzione di voler aprire una bottega artigianale di ceramica. Nel 1978, in occasione degli esami di maturità, espresse questa sua intenzione: non avrebbe continuato gli studi, ma avrebbe iniziato a lavorare in un suo laboratorio di ceramica. Fermo di questa decisione, si rivolse al suo insegnante Bozzelli rendendolo partecipe delle proprie aspirazioni. Bozzelli, colpito dalla determinazione e dall’entusiasmo dell’ex allievo, manifestò tutta la sua volontà nel mettere a disposizione il suo sapere e la sua esperienza. Liberati, consapevole che i cinque anni di scuola non fossero sufficienti per avviare un’attività così complessa, chiese a diversi ceramisti di poter lavorare presso il loro laboratorio di ceramica per fare esperienza, ma nessuno fu disposto a prenderlo poiché consapevoli delle sue intenzioni, così chiese al suo insegnante Bozzelli, all’epoca Vice Preside di poter frequentare un altro anno di laboratorio e perfezionare la lavorazione della foggiatura al tornio. Senza esitare Bozzelli sostenne la sua richiesta, assumendosi ogni responsabilità nei confronti della scuola. Nel 1980 Liberati inaugurò il suo laboratorio di ceramica di 70 mq nella casa paterna; da subito stabilì che ogni pezzo sarebbe stato realizzato a mano con manodopera qualificata che si sarebbe formata e specializzata all’interno dell’azienda sotto la sua guida attenta e scrupolosa. La dimostrazione della professionalità delle sue maestranze si evince dal fatto che diversi dei suoi collaboratori hanno negli anni aperto attività in proprio. Durante questi anni il legame con il suo maestro si rafforzò sempre di più e andò ben oltre la passione e la vocazione che li accomunava per la ceramica; c’era tra loro un’intesa straordinaria. L’insegnamento di Bozzelli è stato continuo e fondamentale sia per quello immediatamente tecnico sia per la carica umana che era capace di trasmettere. Liberati fin dall’inizio della sua attività decise che tradizione e innovazione sarebbero dovute convivere armoniosamente e che particolare attenzione sarebbe stata dedicata allo studio delle forme, dei colori e dei decori, per cercare di dare ad ogni singolo oggetto di artigianato uno spessore artistico. Da sempre un ruolo fondamentale è stato rivestito dalla sperimentazione e dall’innovazione, che oggi, ancor più che in passato, rivestono un ruolo primario nel suo laboratorio di ceramica, diventando parte integrante e fondamentale della “filosofia aziendale”: aspetti che vengono notati da Giuseppe Di Prinzio, grande artista pescarese, insegnante e uno dei fondatori del Liceo Artistico “G.Misticoni” di Pescara, le cui opere in bronzo, argento e ceramica arredano numerosi angoli della città e non solo. Uno dei primi incontri con il Maestro Di Prinzio risale al 1986 quando Liberati partecipò al concorso di Ceramica organizzato dall’Ente Mostra dell’Artigianato Artistico di Guardiagrele presentando un servizio da tè realizzato a terzo fuoco. In quell’occasione Di Prinzio, nominato dall’Ente Mostra membro della commissione, notò subito il servizio da tè che si diversificava dai restanti sia per la particolare forma sia per l’accurato decoro. La commissione all’unanimità assegnò il 1° Premio alla ditta Liberati citando testuali parole: “…1° premio per la realizzazione originale dell’oggetto e la perfetta tecnica adottata, nonostante le difficoltà tecnologiche del terzo fuoco”. Il concorso, tutt’oggi biennale, ha visto la ditta Liberati vincitrice per altre due edizioni nel 1988 e nel 1990. Nel 1992 il tema del concorso fu, invece, un servizio da caffè e Liberati, in quell’occasione, decise di non partecipare ma realizzò ugualmente il servizio che espose durante la mostra. La Commissione non ritenendo meritevoli, però, i servizi presentati per il concorso, propose all’Ente Mostra di comprare con un premio acquisto il servizio da caffè realizzato dalla ditta Liberati, poiché di elevato spessore artistico e tecnico. Nei concorsi successivi Liberati decise di non partecipare più, poiché vincitore di diverse edizioni. Ma con grande soddisfazione ha visto l’aggiudicarsi di premi e riconoscimenti ad alcuni suoi allievi. La dimostrazione del rapporto e delle stima instauratosi tra Di Prinzio e Liberati, si evince dalla frequenza con cui insieme a Bozzelli ed Enrico Terribili, quest’ultimo romano di nascita e pescarese di adozione grande artista dell’arte orafa e insegnante presso il Liceo Artistico di Pescara, si recavano presso il laboratorio di Liberati. Nel 1995 Di Prinzio realizzò la sua ultima grande opera, posta in Piazza della Marina: un monumento in travertino imperiale alla cui base è stato inserito un pannello di ceramica interamente realizzato nel laboratorio di Liberati, di cui, come lui stesso diceva, si fidava pienamente. Una qualità che Bozzelli e Di Prinzio hanno sempre apprezzato in Liberati era quella di essere completamente disponibile verso coloro che volevano avvicinarsi a questo mestiere. Liberati infatti ha sempre offerto loro la possibilità di fare pratica, gratuitamente, all’interno del suo laboratorio, pur conoscendo le loro intenzioni di voler aprire una propria attività. A conferma di ciò, si può sicuramente affermare che è grazie alla sua disponibilità se a Rapino, che vantava un passato glorioso nella ceramica, sono sorte nuove botteghe artigiane dopo anni di decadenza. Liberati non si è mai preoccupato della produzione degli altri ceramisti, perché come lui stesso afferma: “il bello di questo mestiere è che non c’è limite alla creatività ed è la possibile diversificare la produzione anche all’interno della stessa azienda”. Con il nuovo millennio Liberati avvia un nuovo ciclo produttivo, inizia a mettere in pratica tutto ciò che ha sperimentato in passato. La nuova produzione di pezzi unici riscuote il consenso di critici ed appassionati, tant’è che nel 2006 la Regione Abruzzo organizza nel Palazzo dell’Emiciclo del L’Aquila una Mostra personale a lui dedicata. L’evento riscuote grande successo e in quell’occasione il suo maestro Bozzelli gli passò simbolicamente lo “scettro” con questa frase: “adesso posso dire che mi hai superato”. Molte sono state le occasioni in cui la ditta Liberati è stata chiamata a rappresentare la ceramica abruzzese. In occasione della Fiera Campionaria delle qualità italiane organizzata nel 2007 e nel 2009 a Milano, è stato invitato, dalla Camera di Commercio di Chieti, a partecipare per rappresentare la ceramica abruzzese innovativa. Nel 2011 Abruzzo Sviluppo, partner della Regione Abruzzo, ha partecipato ad un progetto europeo finalizzato alla valorizzazione del comparto della ceramica artistica. In questa occasione Liberati è stato scelto tra i ceramisti abruzzesi per la spiccata innovazione tecnica e artistica delle sue opere, riscuotendo un notevole successo anche all’estero: Portogallo, Ungheria, Romania e Francia. A conferma dell’esito positivo di quest’ultimo progetto vi è la partecipazione, nello stesso anno, come ospite d’onore alla Mostra di Arte Contemporanea “Annuala ArteloR” organizzata in Romania nella città di Baia a Mare. L’ultima mostra in ordine cronologico a cui è stato invitato a partecipare , è il Premio Sulmona – Rassegna Internazionale d’Arte Contemporanea, giunto alla 41^ edizione, organizzata dall’Associazione Culturale il Quadrivio di Sulmona di cui è Presidente onorario Vittorio Sgarbi, che di questa mostra scrive: “Nell’anno in cui non è programmata la biennale di Venezia, il Premio Sulmona assume il ruolo di sfogo e di vetrina non provinciale degli artisti che sentono sempre più stretti gli spazi nei quali poter esprimere la loro ricerca”. Oggi, ad oltre 30 anni dall’inizio dell’attività, i figli che da sempre “respirano” ceramica, si stanno inserendo nell’attività di famiglia, dividendosi tra la produzione e l’amministrazione con la consapevolezza di avere una grande responsabilità e di aver scelto un mestiere non facile, in un periodo storico non certo dei migliori, ma soprattutto perché, anche non volendo, dovranno sempre confrontarsi con il padre. I figli, nonostante la giovane età, cercano di dare un’ impronta personale ai loro lavori con i quali stanno iniziando a partecipare a Mostre e Concorsi, ottenendo l’apprezzamento non solo del pubblico ma anche della critica, visti i premi e le menzioni ricevuti. Chiunque incontri il Maestro Giuseppe Liberati riesce ancora a vedere nei suoi occhi l’entusiasmo, la grinta e la forza di volontà degli inizi. E passo dopo passo, con il sostegno della moglie Assunta che da sempre l’affianca nell’attività e dei figli, ha trasformato la “piccola bottega” in una grande realtà, un laboratorio di ceramica ad alto livello di professionalità, che è in grado di rappresentare l’eccellenza della ceramica abruzzese nel mondo.

Eventi, pubblicazioni e riconoscimenti:

Eventi internazionali

  • Mostra Campionaria –Bruxelles (Belgio)- 1986;
  • The Italian Art Of Living – New York (USA) – 1992;
  • Italian Craftmanship –Johannesburg (Rep. Sud Africa) – 1992;
  • Expo’ 92- Palazzo Italia- Siviglia (Spagna) – 1992;
  • Maison & Objet- Parigi ( Francia) – 1997;
  • Mostra Campionaria – Francoforte (Germania) -1998;
  • Mostra Internazionale di Ceramica Contemporanea –Vallauris (Francia) 2010;
  • Mostra Internazionale di Ceramica-Alcobaca (Portogallo) – 2011;
  • Partecipazione al Progetto Europeo CerAmica (2010-2011) – selezione effettuata da Abruzzo Sviluppo ;
  • Mostra di Arte Contemporanea – Comune di Baia a Mare – Romania 2011;
  • Share Traces Exhibition –Valletta – Malta 2015
  • Simposio internazionale Comune di Baia a Mare – Romania 2015
  • Italian Traditional Day – Casa Loma – Toronto – Canada – 2016

Eventi nazionali

  • Fiera del Levante – Bari – 1983;
  • Rassegna Internazionale di Artigianato Artistico – Firenze- 1984/1991;
  • Tevere Expo’- Roma -1984/1990;
  • Mostra Personale – Settimo Milanese (Mi)– 1990;
  • La seduzione dell’ Artigianato – Roma – 1990;
  • Mostra Personale – Segni (Rm) – 1994/1996;
  • Mostra d’Oltremare – Napoli – 1998;
  • Abitare Il Tempo – Verona 1999;
  • Moa Casa – Roma – 2007;
  • Arte del Fuoco e della Terra – Chiostro del Borromini – Roma 2008
  • La Campionaria Fiera Delle Qualita’ Italiane-Milano – 2007/2009 – selezione effettuata dalla CCIAA di Chieti;
  • Fierarredo – Bologna – 2008;
  • Simposio d’arte contemporanea internazionale – Gallipoli – Italia 2013;
  • Simposio d’arte contemporanea internazionale – Piemonte – Italia 2013;
  • Mostra collettiva d’arte contemporanea “sala Pugnani” – Mondovì – Italia 2014;
  • Simposio d’arte contemporanea – Calabria – Italia 2015;
  • Mostra Collettiva “Novanta Artisti omaggiano San Francesco” – Italia 2014 /2015;
  • Mostra Collettiva itinerante “Omaggio a Totò – 50 anni dalla sua scomparsa” – Italia 2015/2016;
  • Mostra internazionale “Misericordiae Vultus” – Sesto al Reghena – Italia 2016/2017;
  • Mostra internazionale d’arte contemporanea “Che dici Totò?” – Castel dell’Ovo – Napoli – Italia – 2017;

Eventi regionali

  • Mostra di Artigianato Artistico Abruzzese – Guardiagrele (Ch);
  • Mostra di Artigianato – Vasto (Ch);
  • Mostra di Artigianato – L’Aquila;
  • Mostra di Artigianato – Sulmona (Ch);
  • Mostra di Artigianato – Popoli (Pe);
  • Mostra di Artigianato – Lanciano (Ch);
  • Mostra di Artigianato – Penne (Pe);
  • Mostra di Artigianato – Teramo (Te);
  • Tenda Expò – Pescara;
  • Mostra Personale –Palazzo dell’Emiciclo a L’Aquila- 2006;
  • Mostra Personale presso Il Museo Dell’artigianato Artistico Abruzzese di Guardiagrele – 2006;
  • Mostra Personale – Palazzo Del Governo Della Provincia di Pescara- Pescara – 2007;
  • Mostra Personale – Museo Delle Genti D’Abruzzo – Pescara – 2010;
  • Iª Biennale di Scultura Arte Sacra – Museo Diocesano Basilica San Tommaso Apostolo – Ortona – 2012;
  • Direttore Artistico dell’evento “World’s best ceramic fountains” – Guardiagrele – Italia 2012;
  • Direttore Artistico con Enzo Angiuoni del simposio d’arte internazionale – Francavilla al mare – Italia 2014;
  • Collettiva d’arte contemporanea itinerante “transumart” – Castel di Sangro, Atri, Città Sant’Angelo, Ortona, Foggia – Italia 2014;
  • XLI Premio Sulmona “Rassegna Internazionale d’arte contemporanea” – Sulmona – Italia 2014;
  • Mostra Personale “La Bottega Liberati” presso il Museo d’Arte Costantino Barbella – Chieti Italia 2014;
  • Mostra Collettiva presso “Pinacoteca Patiniana” – Castel di Sangro – Italia 2014;
  • Mostra d’arte contemporanea Internazionale- Art For Peace – Palazzo Farnese – Ortona – Italia 2016;
  • Mostra d’arte contemporanea “L’Immaginario – Poesia e Arti Visive” – Pescara – Italia 2016;
  • XXLIII Premio Sulmona “Rassegna Internazionale d’arte contemporanea” – Sulmona – Italia 2016;
  • Evento di Presentazione della “Prima Ciaramella al mondo, realizzata in ceramica dal Maestro ceramista Giuseppe Liberati” – Guardiagrele – Italia 2016;
  • Mostra personale di ceramica contemporanea “L’Essenza Materica – Giuseppe Liberati” – Istituzione Palazzo Farnese – Ortona – Italia 2017;
  • Mostra collettiva d’arte “Quattro Maestri nelle Arti Visive” – Museo Michetti Mu.Mi. – Francavilla al Mare – Italia 2017;
  • Mostra d’arte contemporanea “Nel segno della modernità di Ovidio” – MediaMuseum – Pescara – Italia 2017;
  • Mostra d’arte contemporanea “Armonie – Emozioni di note a colori” – Aurum – Pescara – Italia 2017;

Pubblicazioni

  • Italian Craftsmanship on stage at the Market Theatre, catalogo – Johannesburg ;
  • The Italian Art of Living, catalogo – New York;/
  • Giuseppe Liberati – Sentimenti, catalogo – Augusto Ferrara Edizioni;
  • Il catalogo dell’Artigianato – Edizioni Mondadori;
  • L’Atlante dell’artigianato artistico italiano al finire del XX secolo – Edizione Ponte alle Grazie di Giorgio Lilli Latino;
  • La seduzione degli oggetti – Edizione Mondadori di Titti Carta;
  • L’Artigianato, rivista – Amilcare Pizzi Editore;
  • D’A Artigianato, rivista – Amilcare Pizzi editore;
  • Lusso e Mercato, rivista – Golfarelli Editore;
  • Giuseppe Liberati – Emozioni Plastiche, catalogo – Di Paolo Edizioni;
  • Giuseppe Liberati – Sentimenti, catalogo – Augusto Ferrara Editore;
  • Vacanze Estate Più, rivista – RR Edizioni;
  • L’Agenda del Golf, rivista – RR Edizioni;
  • Tre colori, una bandiera e un sacco di artisti…abruzzesi – Palladino Editore
  • Italia su Misura 100 Selected Ateliers – Gruppo Editore
  • ScandinaviArt 2015 – Ed. Giorgio Mondadori;
  • 100 Eccellenze Italiana – 2^Ed. Riccardo Dell’Anna Editore;
  • Mani “Nel cuore dell’Artigianato” – Ed. Italian Stories;
  • ET © Sanoma Media Finland Oy (Rivista Finlandese);
  • D’Abruzzo – Turismo Ambiente Cultura – Edizioni Menabò;

Riconoscimenti

  • Tre Primi Premi al Concorso Regionale Presso La Mostra dell’Artigianato Artistico di Guardiagrele;
  • 1 Medaglia D’Argento Del Presidente Della Repubblica;
  • Primo Premio Mostra Di Artigianato Artistico Vasto;
  • Un Premio Acquisto Camera di Commercio –Chieti;
  • Il premio fotografico “Mondovì turistica 2014”, nella sez. cartoline ha avuto un premio speciale intitolato a Giuseppe Liberati;
  • Selezionati tra i 100 migliori artigiani d’Italia, dall’Osservatorio dei Mestieri d’Arte e Fondazione Cologni d’Arte – anno 2015;
  • Selezionati dall’ambasciatore italiano a Toronto, per rappresentare l’artigianato italiano in occasione del “Italian Traditional Day” – maggio 2016;
  • Menzione speciale nella Galleria delle 100 eccellenze italiane. Patrocinato anche dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) – anno 2016;
  • 1 Medaglia D’Argento del Presidente Della Repubblica, in occasione della partecipazione di Lorenzo Liberati al Concorso indetto dall’Ente Mostra dell’Artigianato Artistico Abruzzese dal tema “Misericordia” – anno 2016;
  • Menzione Speciale in occasione del Premio Giornalistico Internazionale “Words of Wine 2017”, indetto dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo in collaborazione con il Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo, con la seguente motivazione: “Per essere ambasciatore del Made in Italy e per aver diffuso, in Italia e nel Mondo, l’immagine dell’Abruzzo attraverso il lavoro artigianale di preziose ceramiche” – anno 2017;

Hanno scritto di lui:

Giochi del Mediterraneo ed Altro

  • medaglia_giochiLa Ditta Ceramiche d’Arte Liberati è stata esclusivista e fornitore ufficiale del Comitato Organizzatore dei XVI Giochi del Mediterraneo- Pescara 2009, per la produzione in ceramica della Mascotte, del Logo, delle Ceramiche di Rappresentanza e delle Medaglie dei Giochi;
  • La Ditta Ceramiche d’Arte Liberati, è stata incaricata dalla Federazione Italiana Bocce per la fornitura ufficiale dei premi in occasione del Mondiale di Bocce – Roma aprile 2015;
  • In occasione dei “Giochi del Mediterraneo sulla Spiaggia”, il Comitato organizzatore ha dato mandato al Laboratorio Liberati per la creazione dei premi di rappresentanza da consegnare a tutti gli atleti partecipanti – Pescara settembre 2015;
  • Nell’ambito di Expò Milano 2015, l’Agenzia Abruzzo Sviluppo ha commissionato alla ditta Ceramiche d’Arte Liberati la realizzazione di gadget in ceramica da omaggiare in occasione delle manifestazioni di rappresentanza;
  • La Camera di Commercio di Pescara, in occasione del prestigioso “Premio Fedeltà al Lavoro e al Progresso Economico“,  ha dato mandato al Laboratorio Liberati per la creazione dei premi di rappresentanza da consegnare a tutte le aziende premiate. Pescara aprile 2017;

LABORATORIO ED ESPOSIZONE

Via Val di Foro, 101
66010 VILLAMAGNA (CH)
Tel : +39 0871 300750 Fax : +39 0871 301333