Home / Articoli in Ceramica / DECORAZIONE CUERDA SECA PER UNA CERAMICA GIOVANILE

DECORAZIONE CUERDA SECA PER UNA CERAMICA GIOVANILE

Decorazione cuerda seca sulla ceramica artigianale

Decorazione Cuerda seca per una ceramica giovanile

Benvenuti all’appuntamento settimanale con la ceramica tutta italiana!

Mi chiamo Mani e oramai da qualche mese vi sto raccontando tutto quello che gira intorno il fantastico mondo della ceramica artigianale del Laboratorio Ceramiche Liberati. Questa volta vi presento una tecnica di lavorazione, anzi di decorazione, molto particolare: “cuerda seca” ovvero “corda secca” o anche, come la chiamano gli anglofoni, “dry cord”. I manufatti realizzati con questa tecnica diventano “punti luce” in qualsiasi ambiente, un’esplosione di colori e gioia in grado di strappare un “wow” a chiunque li noti.

La cuerda seca è una delle più antiche tecniche di decorazione della ceramica, ma allo stesso tempo, rivisitata e rielaborata, può diventare una decorazione molto giovanile. I manufatti decorati con questa tecnica si prestano facilmente a diventare dei doni da regalare ai più giovani e agli amanti di stili giovanili, che magari non preferiscono una ceramica classica o tradizionale. Saper apprezzare l’artigianalità e la particolarità delle lavorazione è il primo passo per amare la ceramica! In questo articolo, come avrete già capito, vi parlerò della decorazione “cuerda seca” sia dal punto di vista tecnico sia di quello artistico.

La cuerda seca è una decorazione particolare di origine ispano-moresca utilizzata nel passato per la decorazione delle mattonelle e piastrelle. Il nome della decorazione, in italiano corda secca, deriva dall’utilizzo di una corda impregnata di grasso con la quale veniva costruito il disegno desiderato sulla piastrella. Gli spazi vuoti creati dalla corda venivano riempiti con smalti colorati, finita la decorazione si lasciava asciugare,  per poi proseguire con la seconda cottura durante la quale la corda bruciava, lasciando la traccia libera dallo smalto. Attualmente l’esecuzione della tecnica è stata semplificata e, per definire le cosiddette linee di confine tra gli smalti, al posto della corda o funicella, con un pennello viene applicata una sostanza grassa chiamata “il nero” della corda secca che impedisce agli smalti di sovrapporsi durante la cottura. La tecnica di decorazione viene spesso chiamata anche “decoro a smalti a rilievo” perché in base alla consistenza degli smalti ceramici utilizzati l’effetto finale del disegno sarà più o meno a rilievo.

Nel Laboratorio Ceramiche Liberati questo tipo di decorazione è stato introdotto alcuni anni fa e viene eseguito dalla giovane Marta Liberati, tra le prime ceramiste a lavorare la cuerda seca in Abruzzo. Tutto il decoro a cuerda seca viene realizzato a mano e gli oggetti decorati rientrano nella categoria Linea Fenice proposta da Ceramiche Liberati. Ora vi starete chiedendo il “perchè” hanno deciso di chiamare la linea realizzata con la tecnica della cuerda seca: “Fenice”. Bene nella mitologia la fenice è un uccello sacro del fuoco, noto per il fatto di rinascere dalle proprie ceneri dopo la morte, possiede una forza non indifferente ed è un simbolo di forza ed immortalità. La linea fenice nel laboratorio Liberati sta a simboleggiare il rinnovo continuo delle tecniche di lavorazione, che da sempre sono in continua evoluzione, e l’ingresso della seconda generazione degli artigiani della famiglia Liberati: Erika, Marta e Lorenzo come nuova “energia” all’interno del laboratorio di ceramiche italiane.

Oltre ai disegni a mano libera, alcuni dei quali richiamano decorazioni orientali come i Mandala, Marta esegue diversi lavori che riprendono motivi decorativi e ornamentali tradizionali abruzzesi come la Presentosa (gioiello abruzzese per eccellenza). Gli anni di esperienza e l’innato talento di Marta permettono di elaborare decori con la tecnica di decorazione cuerda seca molto complessi anche su superfici piccole, come ciondoli, o forme curve e irregolari, come ad esempio conche o palline per l’albero di Natale. Gli oggetti decorati in cuerda seca hanno uno scopo decorativo e non sono adatti all’uso alimentare, se non specificato diversamente nella scheda descrittiva del prodotto.

In ogni mio articolo, ho sempre paura di essere troppo pignolo nel raccontare la storia e le fasi dell’evoluzione. Dall’altra parte però credo che bisogna, quando è possibile, dare giusti riconoscimenti agli uomini e ai popoli che hanno lavorato, creato e portato a livelli elevati l’arte e l’artigianato della ceramica…ma ho cercato, per quel che posso, di essere breve e chiaro e se avete delle domande, dubbi o richieste scrivetemi nei commenti in fondo alla pagina. Potete anche visitare la pagina Lavorazioni per scoprire alcune delle lavorazioni e decorazioni realizzate dal Laboratorio Ceramiche Liberati.

La decorazione realizzata con la tecnica della cuerda seca permette di ottenere effetti cromatici particolari e ricercati, che grazie all’abbinamento dei colori rendono qualsiasi motivo del decoro unico e indimenticabile. Con questa tecnica gli smalti non vengono sovrapposti, ma abbinati in modo da evidenziare ogni piccolo dettaglio del decoro nel suo complesso. Non vi sono colori preferiti e non esistono regole per abbinare in modo giusto i colori: tutto dipende dall’artista  e da quanto voglia dare rilievo ad un particolare elemento della decorazione.

Con la tecnica della cuerda seca vengono realizzati sia manufatti pezzi unici sia quelli, per così dire, “in serie”, perchè in realtà anche se il decoro viene ripetuto non sarà mai identico, ma bensì simile, dopotutto è proprio questa la bellezza dell’artigianato italiano in perfetto stile “Hand Made in Italy”. La cuerda seca è una tecnica di decorazione della ceramica molto impegnativa, che richiede un’elevata precisione e una notevole manualità, che si acquisisce solo con molta, moltissima pratica. Come anticipato nel Laboratorio Ceramiche Liberati diversi sono i complementi d’arredo decorati con la “cuerda” del tutto unici e non riproducibili, difatti tra i vari lavori presenti in esposizione, Marta ha realizzato anche un piatto da muro del diametro di cm 70, dove sono state impiegate diverse settimane di lavoro, suddivise tra la progettazione del disegno, l’esecuzione dello stesso a mano libera con l’applicazione del nero, fino alla minuziosa apposizione degli smalti. Volevo solo ricordare che i motivi decorativi sono frutto dell’estro creativo di Marta, che trova ispirazione da composizioni di fiori, motivi orientali, che ricordano i mandala, etnici ma anche da elementi che richiamano la tradizione abruzzese, come già anticipato ha realizzato una linea di piatti da muro complementi d’arredo, ma anche dei ciondoli per collane, in ceramica con un decoro che omaggia la Presentosa, famoso gioiello d’Abruzzo. Per chi vuole approfondire la storia e il significato della Presentosa e le particolarità della sua lavorazione/decorazione vi rimando ad un mio precedente articolo Perché regalare una Presentosa. Il decoro Presentosa, visto l’apprezzamento del pubblico, è di sicuro il più riprodotto per quanto riguarda i manufatti della linea Fenice del Laboratorio Liberati. Si possono trovare piatti da muro di diverso diametro, a partire da 12 cm fino ai 40 cm,  in taluni casi la decorazione è impreziosita con oro zecchino “Terzo Fuoco”, ovvero sul manufatto già in maiolica viene applicato l’oro e poi cotto in forno per la terza volta. I piatti in ceramica realizzati con la decorazione cuerda seca “Presentosa” sono molto richiesti anche come bomboniera dagli sposi abruzzesi, ma anche da fuori regione, proprio perché rappresentano sia l’Abruzzo sia il simbolo per antonomasia dell’amore, ovvero il cuore e poi perchè sono semplicemente bellissimi! 😉 Ogni piatto con il decoro Presentosa può essere personalizzato non solo nelle dimensioni, ma anche nell’abbinamento cromatico degli elementi centrali, solitamente il colore rosso dei cuori e il giallo della “stella” che richiama il colore oro (ovvero il materiale originale con il quale viene realizzata la Presentosa in oreficeria) rimangono tali, ma ciò non toglie che si possa cambiare anche la colorazione di questi… magari gli sposi più creativi potrebbero chiedere di realizzare la stella della presentosa in ceramica blu!?! 😉

Alla fine dell’articolo, dopo tutto, vi dico una semplice verità: per apprezzare fino in fondo i manufatti artigianali realizzati con la decorazione cuerda seca bisogna vederli dal vivo con i propri occhi! Ceramiche Liberati ha un’esposizione di 500 mq, aperto al pubblico dal lunedì al sabato, che spazia dalla ceramica tradizionale, a quella più moderna e contemporanea, dalle sculture alla cuerda seca… ce n’è per ogni gusto.

Intanto, per stuzzicare la vostra curiosità, vi allego una galleria fotografica con i magnifici lavori di Marta.

Spero di avervi affascinati e fatti innamorare di questa meravigliosa tecnica di decorazione: la cuerda seca! Per concludere vi dico:

“Per me i colori sono degli esseri viventi, degli individui molto evoluti che si integrano con noi e con tutto il mondo. I colori sono i veri abitanti dello spazio.”
(Yves Klein)

Alla prossima!
Vostro, Mani.

5 commenti

  • non ho trovato un ceramista che spighi il modo di realizzare questa tecnica……se non altro per amore dell’arte

    • Salve, grazie per la sua richiesta.
      Noi siamo un Laboratorio di ceramica artistica artigianale, realizziamo e vendiamo solo le ceramiche finite.

      Come materiali da lavoro vendiamo solo argilla, forni per hobbisti, colori e smalti ceramici per la decorazione.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto

Avvia WhatsApp

I cookie ci aiutano a fornire il nostro servizio, utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookies su questo sito. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi